you reporter

PORTO TOLLE

La sagra delle cozze in trasferta, che successo!

Soddisfazione del presidente Gimmy Folegati: “Abbiamo servito circa 2mila porzioni”

La sagra delle cozze in trasferta, che successo!

E’ l’ottava edizione consecutiva che la Sagra della cozza dop di Santa Giulia partecipa al Misen (Mostra interprovinciale sagre enogastronomiche), salone nazionale delle sagre di Ferrara.

Un appuntamento annuale per gli appassionati dell’enogastronomia italiana legato alle fiere paesane. La rassegna è nata a Bondeno nel 2002 da un’iniziativa dell’associazione turistica “Sagre e dintorni”, dal 2011 si tiene negli spazi della Fiera di Ferrara.

E la Sagra della cozza di Santa Giulia, l’associazione che promuove e organizza eventi nella frazione di Porto Tolle, era ben rappresentata dal presidente Gimmy Folegati e da altri sette volontari, che il 30 e il 31 marzo scorsi hanno preparato la deliziosa cozza Dop ai partecipanti del Misen, arrivato alla 12esima edizione.

“E’ stato un bellissimo weekend durante il quale abbiamo cucinato circa 5 quintali di cozze - racconta Folegati - e servito circa 2mila persone. E’ stata dura ma c’è grande soddisfazione per aver fatto conoscere a così tante persone il nostro prodotto”.

In totale al Misen sono stati circa 300mila gli assaggi gratuiti distribuiti nel corso della due giorni, per condividere con gli oltre 10mila visitatori il piacere della tavola e la cultura gastronomica che le oltre 100 sagre presenti hanno portato in fiera.

L’apertura del Misen ha racchiuso conoscenza e approfondimento, con il convegno dedicato ai tanti giovani degli Istituti Vergani e Navarra presenti a “Riflessioni sul futuro”. Approfondimenti anche nella giornata di domenica con l’area convegnistica, ma non solo. Tanti i momenti legati alla conoscenza e alla curiosità con gli show cooking: dal cioccolatiere Giuseppe Gagliardi, alla cucina tradizionale con Albergo Diffuso e i suoi chef, fino a Luca Zannoni (Maestro cucina Zanussi). L’arena Cooking Show ha ospitato inoltre tanti momenti legati alla cultura del beverage e del bere consapevole, con l’Associazione Italiana Sommelier, il Matraccio e con le degustazioni del Mastro Birraio Luigi Stecca, conosciutissimo in Polesine per essere stato il titolare del famosissimo Michelangelo Da Vinci, il locale lungo la Transpolesana, a Villamarzana, che ospitava i clienti in due carlinghe di aerei.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl