you reporter

PROTEZIONE CIVILE

Stato di allarme per i nostri fiumi

Ancora due giorni di maltempo, con temporali e forti precipitazioni

Stato di allarme per i nostri fiumi

Una nuova intensa fase di maltempo attende il Veneto, con il suo culmine tra oggi e domani: su tutta la regione, infatti, sono previste frequenti precipitazioni con rovesci e locali temporali.

Alla luce di tali previsioni, dunque, il centro funzionale decentrato della Protezione civile del Veneto ha dichiarato lo stato di attenzione per criticità geologica sul bacino idrografico Piave-Pedemontano a partire da ieri e fino alle 10 di giovedì mattina. Dalla mezzanotte di ieri, e sempre fino alle 10 di giovedì, è stato inoltre dichiarato lo stato di preallarme per criticità idraulica sulla rete secondaria del Polesine, e in particolare per quanto riguarda il bacino del Po, Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige.

Sempre da mezzanotte di ieri e fino alle 10 di giovedì è dichiarato lo stato di attenzione idraulica e idrogeologica su tutti i rimanenti bacini idrografici del territorio regionale, ad esclusione del bacino Alto Piave.

Sono infatti attesi quantitativi complessivi anche abbondanti specie su Prealpi e pianura dove non si escludono fenomeni localmente intensi (forti rovesci anche persistenti, locali grandinate), con rinforzo dei venti da nord-est tra la sera di martedì e il pomeriggio di mercoledì su dorsali prealpine, pedemontana, costa e pianura limitrofa. Il limite neve inizialmente è fissato intorno ai 2300-2500 metri, in abbassamento tra la serata di martedì e il mattino di mercoledì fino a 1600-2000 metri. Una probabile fase più intensa è attesa per questo pomeriggio e poi di nuovo per domani mattina.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: 354ª Fiera di Lendinara
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl