you reporter

Boscochiaro

I due Amstaff avevano già aggredito

Il pm sta valutando se ci sia dolo da parte della padrona alla quale sono sfuggiti gli animali

I due Amstaff avevano già aggredito

Il pubblico ministero che ha sul tavolo il fascicolo dell’aggressione da parte dei due Amstaff alla mamma, alla figlioletta e all’amica di quest’ultima, sta valutando se ci sia dolo da parte della padrona della coppia di cani, colpevoli di aver aggredito in passato una donna, senza che quest’ultima lo avesse denunciato. Un comportamento recidivo, quindi, quello degli animali e, parallelamente, della padrona degli stessi che, vista l’aggressione di venerdì scorso, non è effettivamente riuscita a tenere a bada i propri cani.

Intanto le condizioni delle tre ferite, la mamma, la figlia e l’amica di quest’ultima, sono in miglioramento. Anche se sarà un lungo percorso quello che la madre e la propria piccola, dovranno intraprendere per guarire dalle ferite. La vicenda risale a venerdì scorso, nel tardo pomeriggio, quando due American Staffordshire terrier avevano aggredito le due bambine e la madre di una delle due, a spasso in bicicletta in località Viola a Boscochiaro di Cavarzere. Ad avere la peggio una delle due bimbe, azzannata dai cani sulla faccia, e la madre, che ha avuto ferite molto gravi al braccio con la quale cercava di difenderla e la mano.

I due Amstaff hanno aggredito anche un bastardino che era intervenuto per difendere le tre vittime, e se ne sono andati solamente quando un residente ha imbracciato un fucile, dopo essere stato allertato dalle guida, sparando qualche colpo in aria. Poi l’arrivo dei soccorsi e dei Carabinieri, oltre a quello dei veterinari dell’Ulss 3 che hanno sequestrato per conto della Procura i due Amstaff, ora custoditi nel canile di Sant’Anna di Chioggia.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: 354ª Fiera di Lendinara
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl