you reporter

La festa

Femi-Cz, il sergente Vanni in pensione

Tutti i colleghi a tavola per salutare il mitico Smorgon.

Femi-Cz, il sergente Vanni in pensione

Il “sergente” saluta la Femi-Cz e se ne va in (meritata) pensione. Vanni Smorgon, dal primo giugno, non veste più la tuta blu. E i colleghi lo hanno celebrato, sabato, al ristorante da Aligi, a Crespino. Perché per tutti Vanni è stato un amico, prima ancora che un collega, e una guida per intere generazioni di dipendenti del polo produttivo di Francesco Zambelli.

Classe 1957, dal 1986 - 33 anni fa - ha lavorato nello stabilimento di Crespino, prima di essere spostato, nel settembre scorso, a Rovigo per iniziare il percorso di “defaticamento” in vista della pensione. E in 33 anni ne ha fatti di chilometri la sua mitica 500 bianca, per portarlo avanti e indietro dal lavoro. Fino al tanto atteso 31 maggio scorso - guarda caso proprio un venerdì! L’ultimo giorno di lavoro, dopo un terzo di secolo passato al servizio della Femi-Cz.

A tavola, tra un brindisi e i ricordi degli anni passati in fabbrica, anche la corazza più dura, il sergente più severo, ha avuto il suo momento di cedimento di fronte all’emozione di aver lasciato, oltre al suo apporto lavorativo, un indelebile ricordo umano in ogni singolo collega. E allora, sul volto di Vanni sono scese le lacrime sincere di chi ha vissuto la Femi-Cz come una seconda famiglia.

Ora lo aspetta la pensione, la campagna, ma soprattutto lo attende la vita da nonno di Luca, in attesa che anche la moglie Franca, impiegata statale, raggiunga la pensione. A Vanni, gli auguri sinceri di tutti i colleghi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: 354ª Fiera di Lendinara
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl