you reporter

Valliera

Passaggio a livello, “Compensazioni? Non se ne parla”

I residenti contrari alla chiusura dell'attraversamento in Scolo Branco. Norma Carletti: “Si danneggiano le attività commerciali e i privati con gli espropri”.

Passaggio a livello, “Compensazioni? Non se ne parla”

Malumori crescenti a Valliera dove la popolazione è in larga maggioranza contraria alla chiusura del passaggio a livello ferroviario di via Scolo Branco perché sono evidenti i disagi che ne conseguiranno.

Per questo motivo nessuno ha voglia di parlare di compensazioni: è il tema di discussione in questi giorni nei bar e negli esercizi pubblici del paese.

Uno stato d’animo riassunto nelle parole di Norma Carletti, persona molto attiva e conosciuta in paese e che ha partecipato all’assemblea pubblica di mercoledì scorso. “E’ vero che in un futuro il passaggio a livello in questione probabilmente verrà comunque soppresso ma è pur vero che la proposta ‘compensativa’ non è delle migliori per il nucleo abitativo di quella zona. La strada con annessa ciclabile che si vorrebbe creare non trova a mio avviso spazio sufficiente, attualmente larga circa 3 metri, quindi si andrebbero ad intaccare delle proprietà private, oltre che a creare disagi alle attività commerciali in loco e agli abitanti di via don Sturzo ove si riverserebbe maggior traffico”.

Inoltre Carletti fa notare che “l’incontro non è stato adeguatamente pubblicizzato e tanti non erano a conoscenza dell'incontro e di quanto si va prospettando, quindi mi auguro che per il prossimo appuntamento la cittadinanza venga opportunamente avvisata”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl