you reporter

Adria

Boni, i 90 anni del "dottore"

Nel '51 era in Prato della Valle per raccogliere aiuti per agli adriesi

Boni, i 90 anni del "dottore"

Antonio Boni ha raggiunto, in splendida forma, i suoi primi novant’anni: lo “scatto” di anzianità è avvenuto in occasione della festa di Sant’Antonio di Padova, al quale i genitori si sono ispirati per il nome del figlioletto appena nato il 13 giugno 1929.


Ha festeggiato il prestigioso traguardo circondato dagli affetti familiari: la moglie Maria Luisa Marchetti, insegnante in pensione, quindi le figlie Stefania genista all’ospedale di Belluno e Marta farmacista a Noventana nel Padovano.

E non poteva mancare la grande “famiglia” del Gruppo sportivo Bottrighe, associazione che guida da molti anni e alla quale ha dato e sta dando anima e corpo. E proprio il GsB ha organizzato la conviviale per festeggiare i 90 anni tutti insieme: l’incontro è servito anche per annunciare una grande manifestazione in ottobre per celebrare i 60 anni di costante attività del gruppo.

Un’associazione impegnata in molte iniziative di solidarietà e per favorire ogni valida occasione di socializzazione in paese per farlo sentire comunità viva.

Dopo tanti anni nell’organizzazione del carnevale con i carri allegorici, quest’anno ha dovuto alzare le braccia per cause ancora ignote, non certamente per mancanza di impegno dell’associazione, una resa che non ha ancora digerito perché per tutta la vita ha sempre combattuto senza mai arrendersi di fronte a nessun ostacolo e le difficoltà non lo hanno mai spaventato.

Laurea in chimica, Antonio Boni è nato a Padova, quindi bottrighese d’adozione, si è stabilito definitivamente nel paese della sinistra Po nel 1962, quando ha assunto l’incarico di capo fabbrica dello zuccherificio e per tutti è diventato il “dottore”.


Sport e volontariato sono stati la sua seconda vita: è stato arbitro di calcio, hockey su prato e dirigente del Centro sportivo italiano, per tanti anni anche nell’associazione calcio Bottrighe. Molteplici i suoi interessi culturali: presidente del locale coro femminile Eco del fiume, inoltre fa parte dei Collezionisti adriesi; da sempre è impegnato nelle iniziative parrocchiali e a favore dell’asilo.


E’ stato assessore allo sport e cultura con la giunta del sindaco Renzo Rossi a metà degli anni Settanta.

Sulla "Voce" di mercoledì 26 giugno l'articolo completo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl