you reporter

COMMERCIO

Black out a Rovigo, estate spenta

“Basterebbe far musica i 4 venerdì”. Gaffeo ha incontrato le associazioni, ma non c’è data

Black out a Rovigo, estate spenta

Il calendario è vuoto e l’estate in città, a Rovigo - a meno di sorprese tirate fuori dal cilindro dall’amministrazione Gaffeo - al momento è destinata a essere una desolazione per i forzati della città.

I commercianti del centro hanno portato pazienza, ma dopo l’elezione e il post elezione, hanno bussato alla porta del Comune per chiedere di organizzare qualcosa per animare il capoluogo, almeno tra agosto e settembre o almeno di essere supportati.

“Per il singolo locale - spiega Massimo Maltarello, titolare del bar Pedavena in piazza Vittorio Emanuele II - è una spesa esosa. Non ha nemmeno lo stesso impatto di una notte bianca. A Polesella la fanno, a Lendinara ci sono tanti eventi. Rovigo è così, desolante”.

Maltarello fa una rapido conto di quanto ha versato al Comune tra tasse e plateatico: “Quest’anno con un anticipo sul 2019 del plateatico siamo arrivati a pagare 6mila euro - spiega - è una cifra considerevole per noi, se ci aggiungiamo anche la tassa rifiuti ovviamente la cifra aumenta. Ora io penso che il Comune debba garantire un servizio commisurato ai soldi che versiamo”.

Anche in corso del Popolo vige il “fai da te”. In mancanza di una programmazione di eventi, i locali organizzano serate e cercano di promuoverle nei social. Ma manca l’evento che metta tutti in movimento all’unisono. “E’ possibile che Polesella abbia la sua notte bianca, Lendinara e Adria facciano i loro eventi, mentre Rovigo è morta?”.

Le associazioni dei Commercianti hanno già incontrato il il sindaco Edoardo Gaffeo e il vicesindaco Roberto Tovo, ma mentre luglio corre e sta per chiudere, non c’è ancora una data fissata.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • gianquadro

    15 Luglio 2019 - 16:04

    La stranezza è che qualcuno si meravigli di questo. Al comune non devono starci i "professori" ma gli operai, Rovigo ha bisogno di AMMINISTRATORI non di politici carrieristi con obiettivi che non sono quelli di rendere a Rovigo quello che aveva e merita.

    Rispondi

GLI SPECIALI

speciali: Turatti Group
Speciali: Sagra del pesce di Chioggia

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl