you reporter

OCCHIOBELLO

“Addio biondo”. Il paese in lacrime

Il sindaco: “Ci stringiamo alla famiglia”. Intanto, si indaga sull’incidente che ha ucciso Marco

68002

“In questo doloroso momento, ci stringiamo alla famiglia”. Il sindaco Sondra Coizzi ha appena finito la giunta pomeridiana ed esprime tutto il proprio dolore per la morte di Marco Brunello, 20 anni, portato via da un tremendo incidente verso le due della notte di lunedì, all’imbocco del ponte sul Po, dal lato di Pontelagoscuro.

La sua Fiat Punto, secondo le prime ricostruzioni, si è schiantata frontalmente contro la Mazda di un 52enne di Cotignola, provincia di Ravenna, che stava tornando a casa dopo avere riaccompagnato a casa la compagna, a Santa Maria Maddalena. Il 20enne, pure di Santa Maria Maddalena, residente in via Cervi, col padre, la madre e il fratello Matteo, di due anni minore, stava invece percorrendo il tragitto inverso, rientrando a casa. Ancora, non vi è certezza sulla dinamica e sulle cause dell’incidente.

La Procura di Ferrara appare intenzionata a disporre una consulenza cinematica, affidando a un ingegnere specializzato in questa tipologia di ricostruzioni il compito di scandire le fasi che hanno portato al tremendo frontale.

Un incidente che non ha lasciato scampo al 20enne, mentre il 52enne, ricoverato in ospedale con varie fratture, non appare comunque, per fortuna, in pericolo di vita.

Il paese è ancora sotto shock, in attesa di sapere quando potrà dare l’addio al proprio figlio. Sarà necessario attendere che dalla Procura arrivi il nulla osta, per procedure alle esequie. Prima dovranno essere concluse le formalità e quegli approfondimenti medico legali che saranno ritenuti necessari.

Intanto, è profondo il cordoglio nella comunità locale, colpita dalla scomparsa da un giovane molto amato, pieno di vita, di entusiasmo, di passioni. Dopo avere frequentato la scuola media in paese, dove era stato allievo del sindaco Sondra Coizzi, si era iscritto al liceo artistico Dossi di Ferrara, quindi al Dams di Bologna. Innamorato della musica - suonava in una band - e dell’arte - materia che avrebbe voluto insegnare - stava anche organizzando una mostra. In paese, per tutti gli amici, era “Il biondo”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl