you reporter

Sagre polesane

Rivive il mito della “Palpona”

Nella frazione di Vegri celebrata la tradizionale festa del 13 agosto. I volontari hanno asciugato le tavole in tempo per la cena sull’aia.

Anche se il maltempo ha provato a metterci lo zampino, si è comunque svolta, anche se a scartamento ridotto, la tradizionale sagra di Sant’Ippolito che da parecchi anni si svolge nella piccola ma animata frazione di Vegri a Ficarolo.

La fiera di Sant’Ippolito, meglio conosciuta nel paese rivierasco come fiera “Palpona”, si celebra il 13 di agosto in occasione del santo a cui è dedicato il piccolo oratorio che si trova nella corte Monesi.

Nemmeno il temporale ha impedito a don Massimo Guerra di celebrare la messa all’oratorio, anche se si è poi deciso di evitare la processione in quanto la pioggia iniziava a scendere abbondante. La Pro loco, capitanata dalla presidente Silvia Pellegrini e da alcune famiglie della zona, che ogni anno contribuiscono ad organizzare la fiera, ha anche deciso di annullare i tradizionali fuochi artificiali e lo spettacolo del duo musicale che avrebbe dovuto allietare la serata.

Verso le 19.30, ancora diverse persone si trovavano sull’aia della corte, sperando si aprisse un po’ il tempo e si potesse mangiare qualcosa in compagnia, come richiede la tradizione.

E’ stato a quel punto che gli organizzatori hanno deciso di asciugare tavoli e sedie e di far accomodare le numerose persone presenti e di iniziare a servire i piatti preparati dal banco gastronomico del catering di Alex Cattozzo, per poi concludere con la magnifica torta offerta, come ogni anno, da Silvia Sitta.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl