you reporter

SICUREZZA

Il vigile “sceriffo” è dietro l’angolo

A Solesino il bilancio di un anno di stretta sulla sicurezza. Il confronto con la vicina Rovigo non regge: “Giubbotti antiproiettile e mitragliette”

Il vigile “sceriffo” è dietro l’angolo

E’ tra il serio e il faceto il bilancio sulla sicurezza del vicesindaco di Solesino, comune ai confini di Rovigo, Orfeo Dargenio, fautore della cancellazione dello scout speed su cui molti automobilisti, anche rodigini si sono imbattuti sulla strada statale 16.

Ma il comandante della polizia locale Cesare Basso, definito “Rambo” dallo stesso vicesindaco Dargenio ha anche effettuato arresti per spaccio di droga, tra le armi in dotazione del comando ha un mitra e giubbotti antiproiettile. Roba che il sindaco e delegato Edoardo Gaffeo, a Rovigo, inorridirebbe. Qui le armi sono l’ultimo dei pensieri, figuriamoci i mitra e i giubbotti antiproiettile.

Le armi ai vigili hanno sollevato solo dibattito a Rovigo.  A Solesini “Sul fronte dell’organizzazione e dell’equipaggiamento per la sicurezza del personale della Polizia Locale il nuovo Comandante ha deciso di armare il personale con nuove armi di ultima generazione, acquistando la lo dibattito pistola semiautomatica modello Glock, calibro 9x21 micro roni di 4° generazione con due caricatori. Un dispositivo di ultima generazione con puntamento di precisione, simile a vista ad una mitraglietta dei Carabinieri ma inquadrata a livello normativo ad arma per le polizie civili e giubbotti antiproiettile”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: 354ª Fiera di Lendinara
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl