you reporter

PORTO TOLLE

Hanno preso tutti per i capelli

Ecco la fantastica storia dell’antica barbieria dei Crepaldi: “Siamo aperti da 148 anni”

Hanno preso tutti per i capelli

06/09/2019 - 10:31

Il barbiere Giuseppe Crepaldi, detto Bepino Cotela, raccontava molte storie. Belle e affascinanti, di tutti i tempi, di tutte le epoche. Era, dicono, un piacere ascoltarlo. Qualche storia sconfinava nella leggenda, vero, ma per entrare nella leggenda qualcosa d’importante doveva essere successo. Come quella del nonno di Bepino, Gabriele detto Toni Cotela. Anche lui barbiere, come tutti i Cotela. Dal 1871, in bottega con forbici e rasoi.

Beppino raccontava: “Lo sapete? Mio nonno ha preso per il naso il re”. E forniva i particolari: “Mio nonno era in guerra, quella del 1915-18. Era un ardito sull’altopiano del Carso. Un giorno, nell’inverno del 1916, arrivò in visita il re Vittorio Emanuele III. Era stanco, aveva la barba lunga e i baffi in disordine. Il re chiese: ‘C’è un barbiere, qui?’. Un sergente scattò sull’attenti: ‘Sissignore, maestà’. Poi urlò: ‘Presto, chiamate il soldato Crepaldi Gabriele detto Toni’. Si presentò mio nonno. Insaponò bene con il suo pennello personale il viso del re. Poi, dopo una delicata rasatura, prese con due dita il suo naso e diede una sistematina ai quei baffi molto sofisticati. Il re si guardò prima perplesso, ma poi soddisfatto in uno specchio da campo, tirò fuori dalla giacca un marengo e disse: ‘Ecco, barbiere soldato, questa moneta è per te’”.

Quel marengo Bepino lo conserva ancora. Adesso è stanco, ha 89 anni e qualche problema di salute. Il suo vecchio negozio, diventato un luminoso salone, è gestito dal figlio Gianni detto Johnny e dal nipote Tommaso. Bepino ha lavorato più di settant’anni e, fin che ha potuto, passava le sue mattine a pulire con la scopa i capelli dei clienti tagliati da Johnny e Tommaso. Bepino diceva sempre: “Sono nato con la ‘scoa’ in mano e morirò con la ‘scoa’ in mano”.

Ha lavorato molto e costruito un futuro per la sua famiglia e i suoi figli. La sua storia è la storia infinita dell’antica Barbieria Crepaldi che parte da molto lontano e attraversa sei generazioni. Intere famiglie di barbieri. Donne, uomini, bambini tutti avviati “all’arte della rasatura”.

Ci sono molti momenti importanti nella vita di Bepino. Uno è legato a una immagine storica, una foto durante la devastante alluvione del 1966. Si vede Bepino Cotela con gli stivaloni mentre sta facendo la barba a un amico sull’argine del Po di Gnocca.

Ha visto tanto, ha subìto anche qualche angheria. “Ero un bambino - raccontava - avevo otto, nove anni e in Pisana mi vestivano da balilla. Una volta la contessa Giulia Brambilla, la padrona di Ca’ Vendramin e amante di Benito Mussolini, mi prese a schiaffi perché non avevo la divisa in ordine. Io piangevo e piangevo e allora lei, per farmi star zitto, mi regalò un pezzo di cioccolato. Era il primo che mangiavo in vita mia”.

Ricorda che a undici anni tagliò i capelli a un soldato tedesco: “Era allarmato, aveva paura che gli tagliassi la gola”.

Tanti ricordi, custoditi gelosamente dal figlio Johnny, il suo erede. Johnny si commuove quando parla del suo papà. “E’ stato, è un grande padre e un maestro di vita, mi ha insegnato tutto. Ho avuto una bella famiglia e ho cercato di trasmettere ai miei figli, Tommaso e Filippo, i preziosi insegnamenti dei miei genitori”.

Johnny è un punto di riferimento per molti. Tanti clienti, tanti amici. E’ un bravo e generoso barbiere e una persona perbene. S’impegna, dà una mano nell’organizzazione di eventi paesani. Tommaso, che ha fatto sette anni il pizzaiolo, adesso lavora con il padre e sta imparando velocemente il mestiere. Il salone è fresco, pieno di luce e colori, frequentato da molti ragazzi e molti bambini grazie a Tommaso, presente e apprezzato anche sui social.

Insomma una moderna “Antica Barbieria”. I Cotela hanno preso per sei generazioni tutti per i capelli e vanno avanti, proiettati in un futuro di innovazione, stile ed eleganza. Con la benedizione del maestro Bepino.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

La Voce di Natale
Natale con i nostri TESORI

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl