you reporter

FIERA

Fuochi d’artificio per il gran finale

Il sindaco Viaro: “C’è tanta gente che ama la sua città, complimenti al lavoro della Pro loco”

Fuochi d’artificio per il gran finale

Fuochi d’artificio per celebrare il giorno clou e chiudere la settimana intensa della 354esima Fiera di Lendinara, che si è aperta giovedì 29 agosto con la presentazione del Numero Unico al Mercato coperto. Ma lo spettacolo piromusicale non ha chiuso i tanti eventi che coinvolgeranno la città lungo tutto il mese di settembre, nonostante sia già passata la settimana di devozione alla Madonna del Pilastrello che ha dato vita al nucleo più importante dei festeggiamenti storici lendinaresi.

Il maltempo ha in alcuni casi tenuto sulle spine e costretto qualche evento, anche molto atteso, a spostarsi o ad essere cancellato. L’offerta è stata veramente ricca e il calendario ha cercato di accontentare diverse esigenze, ma non ha certamente deluso i più piccoli con il luna park. Forse un po’ meno partecipata complice il tempo che si è rinfrescato, mentre la messa dei lendinaresi ha registrato una grande risposta da parte di tutti i fedeli.

“Il tempo ci ha messo alla prova - ha commentato il sindaco Luigi Viaro - ma si è capito che c’è tanta gente che ama la sua città, e spero che non si tiri indietro per Lendinara ma che sempre più concittadini si avvicinino a collaborare con il grande lavoro della Pro loco. Si è cercato di fare il meglio, qualcosa non è andato, qualche invito forse è anche saltato, tutto è perfettibile ma è per il grande entusiasmo nel poter fare tante cose. E non dobbiamo dimenticare che il prossimo anno festeggeremo anche trent’anni della Mostra Mercato”.

“Un grazie sincero va a tutti gli sponsor, alla protezione civile e a tutti i volontari che si sono messi in gioco per questa edizione del Settembre Lendinarese, il secondo del nostro mandato in cui abbiamo cercato di accontentare varie esigenze. Magari dovremmo mettere in previsione di pensare a dei cambiamenti per il prossimo anno”, ha commentato Claudio Martello, presidente della Pro loco.

Anche Sandra Ferrari, che quest’anno è stata coinvolta dal neoassessore Franco Fioravanti, ha stilato un bilancio positivo per gli eventi del commercio, come Opplà che è ancora in corso. “Il Mercato in Fiera è stato purtroppo penalizzato dal tempo e mentre i dieci giorni degli anni scorsi sembravano troppi, quelli di quest’anno forse sono stati troppo pochi. La squadra di lavoro per il prossimo anno dovrà pensare a una proposta che possa accontentare le esigenze del pubblico e degli esercenti””.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl