you reporter

Economia

Ecolab, parte la lotta dei lavoratori

Ai dipendenti la solidarietà del vescovo: “Fare di tutto per la loro tutela e dignità”

Ecolab, parte la lotta dei lavoratori

Si prepara la lotta per la difesa del posto di lavoro dei 43 dipendenti Ecolab. La scelta improvvisa di trasferire la produzione di detergenti ad alto livello dallo stabilimento di via del Lavoro in Francia, licenziando subito 43 lavoratori e mettendo a rischio ulteriore sei posti, sta scatenando la reazione di sindacati e lavoratori stessi. E quel che si prospetta è un’assemblea permanente, ossia occupazione, di una parte della fabbrica e blocco della produzione.

E per i lavoratori di Ecolab arriva anche la solidarietà del vescovo e della diocesi di Rovigo che in una nota dice che “La diocesi di Adria - Rovigo, ha accolto con rammarico la decisione da parte dell’azienda Ecolab di chiudere lo stabilimento rodigino e manifesta dolore alla notizia dell’imminente avvio della procedura di licenziamento collettivo per i 43 dipendenti. Esprime la propria vicinanza alle tante famiglie, a vario titolo, coinvolte. La diocesi guarda con apprensione alla situazione dei lavoratori chiedendo che venga messo in atto tutto ciò che è necessario per la loro tutela e per la loro dignità. Esprime forte preoccupazione per la scelta di penalizzare questo territorio in favore di altri con scelte strategiche che delocalizzano le aziende e indeboliscono il tessuto socio-economico del Polesine”.

Cgil, Cisl e Uil e lavoratori chiedono pieno sostegno nelle loro rivendicazioni a politici e istituzioni. E sabato prossimo, alle 18, ci sarà un consiglio comunale su questo argomento, dove le rappresentanze sindacali e gli operai chiederanno un appoggio concreto alla possibile iniziativa dell’assemblea permanente. Che potrebbe essere decisa nella riunione all’Ecolab delle 16. Assemblea permanente che significa occupazione della sala riunioni, presidiata ad oltranza e possibile stop produttivo.

Non sono ancora stati chiariti del tutto i motivi che hanno spinto la multinazionale del Minnesota a spostare la produzione in Francia e a mettere in vendita lo stabilimento rodigino.

“E’ inaccettabile - dice Giampietro Gregnanin, segretario della Uiltec - l’approccio industriale di aziende che acquisiscono siti produttivi e poi se ne vanno lasciando in Italia i costi sociali, sia in termini di disoccupazione che di ammortizzatori sociali”. “Ora - dicono Gregnanin ed Enrico Rigolin della Femca-Cisl - ci aspettiamo che consiglio comunale e istituzioni diano sostegno concreto alle iniziative dei lavoratori”. I sindaco è quindi pronto a dar vita a tutte le iniziative, anche forti, per cercare di salvare i quasi 50 posti di lavoro. La richiesta di incontro in prefettura è già stata mandata, ed ora si attendono mosse e spiegazioni dai vertici aziendali.

Intanto sull’argomento interviene anche la senatrice Roberta Toffanin: “Negli ultimi 14 mesi con il governo Lega-M5s nulla è stato fatto per le imprese italiane. Anzi, semmai sono stati approvati provvedimenti contrari come il decreto dignità, che irrigidisce il mercato del lavoro, e il decreto crescita che scarica sulle aziende gli incentivi fiscali dei committenti. Il risultato è un aumento delle ore di cassa integrazione con oltre 160 tavoli di crisi aziendali per i quali non si è fatto nulla per oltre un anno”.

La senatrice di Forza Italia, Roberta Toffanin continua: “Ora a Rovigo, il caso della Ecolab, una nuova azienda che chiude per delocalizzare, in questo caso in Francia, con 43 lavoratori, a cui va la mia solidarietà, che saranno licenziati. Un nuovo colpo per questo territorio già penalizzato dal governo gialloverde che ha perso l’occasione nel Polesine per istituire la Zes, in modo da dare rilancio ad un territorio ricco di tradizioni e di competenze. Mi auguro quindi che venga trovata una soluzione che dia all’azienda nuove opportunità e prospettive per il futuro nel territorio per garantire i posti di lavoro e il nostro Made in Italy”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: 354ª Fiera di Lendinara
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl