you reporter

Stienta

Quell’angolo di paradiso perduto

La denuncia di un residente, che ha visto il Consorzio di Bonifica sradicare i salici del suo terreno

Quell’angolo di paradiso perduto

Uno sfogo per un angolo di paradiso… perduto. A volte ci sono sfoghi, del tutto personali, che possono colpire profondamente un’intera comunità. E’ successo nel comune di Stienta quando, nei giorni scorsi, per la manutenzione di un fossato, gli operai del Consorzio di Bonifica, transitando in quella che viene definita “fascia di rispetto” hanno sradicato alcune piante che, trovandosi lì da molti anni, erano divenute punti di riferimento affettivo per il proprietario del terreno che come spesso accade nel nostro tempo, affida ad un post su Facebook il suo disappunto per condividerlo con i suoi concittadini.

“Spesso chi passeggiava lungo cavo Sant’Anna si sarà imbattuto nei miei salici – scrive l’uomo - uno era li da non so quanto tempo, il tempo lo aveva indebolito un po’, ma a primavera eravamo corsi ai ripari per farlo tornare ad essere rigoglioso e forte come una volta. Quell’angolo di campagna stientese che donava un senso di pace come non mai".

"Ora mi sento ferito nell’intimo nel vederlo sradicato e buttato in un angolo del mio terreno senza che avessi avuto la possibilità di sedermi sotto la sua maestosa fronda – continua scrivendo di getto - avevamo avuto indicazione dalla Bonifica per delle attività lungo l’argine e per quello, in queste settimane, avevo rimosso rami per agevolare il passaggio, ma nulla è servito. Ora non rimane che un cumulo di rami mal accatastati e tanto dispiacere. Ritengo oltraggioso e scandaloso che la Bonifica si permetta di compiere atti così violenti nei confronti della natura tanto più su suolo privato”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: 354ª Fiera di Lendinara
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl