Cerca

Confesercenti

“Fondi europei per il commercio”

Li chiede Franceschi, segretario regionale d Confesercenti, che sollecita i comuni. La strategia di Gaffeo: “Legare le attività alla cultura”

“Fondi europei per il commercio”

Vittorio Ceccato. Al tavolo Marcato, Franceschi e Gaffeo,

Franceschi, segretario regionale, sollecita i comuni. Gaffeo: “Legare le attività alla cultura”

Il commercio del futuro tra tradizione e innovazione. Un convegno, organizzato da Confesercenti Rovigo, per discutere sui temi caldi del commercio. A confrontarsi, mercoledì 25 settembre, in Pescheria Nuova, sono stati: Roberto Marcato, assessore regionale del commercio, Edoardo Gaffeo, sindaco di Rovigo e Maurizio Franceschi, direttore regionale di Confesercenti.

Distretti urbani del commercio, legislazione sui saldi, abusivismo, concorrenza dell’e-commerce e della grande distribuzione.

Si è discusso sulle strategie per rilanciare il commercio dei centri urbani, e sul supporto della legislazione regionale ai commercianti in quest’era di profonde trasformazioni.

Il primo a intervenire è proprio Marcato: “Il distretto del commercio è una delle iniziative a carattere regionale messe in campo, dalle risorse importanti, a cui hanno già aderito molti comuni della provincia. Sulle difficoltà specifiche della zona, invece un ulteriore punto di forza sarebbe la Zes”.

“Ma non possiamo più – continua – immaginare il commercio tradizionale così come lo abbiamo vissuto negli ultimi trent’anni. L’innovazione e la ricerca sono essenziali”. Spostandosi sugli altri temi afferma: “E-commerce ed abusivismo sono anche temi culturali, è necessario cambiare atteggiamento. Assieme alla finanza abbiamo messo in campo risorse per la lotta alla contraffazione. Lo Stato, sul tema tassazione e-commerce, deve essere inflessibile. Ma non si può combattere la contraffazione con la sola legislazione o contrastare l’e-commerce senza un reparto efficiente. Il colpo di reni va dato con l’innovazione e con la ricerca”.

Gaffeo, che è assessore al Commercio, ha individuato tre concetti principali, coordinamento, progettualità, innovazione e cultura. “Abbiamo avviato – dice - un tavolo aperto con le associazioni di categoria per individuare una soluzione comune ai problemi del nostro territorio. Sperando diventino tavoli permanenti. L’idea è quella di lavorare a un progetto consultivo, in grado di rilanciare il commercio tradizionale, legandolo alla cultura”. Difatti, secondo il primo cittadino, il commercio passa anche attraverso il turismo culturale, strumento potenzialmente capace di attirare persone all’interno del territorio.

Altra arma vincente, secondo Franceschi, è la riqualificazione urbana. “E’ necessario – sostiene - ripensare a un rinascimento della città. Questo può avvenire attraverso l’offerta di servizi. Bisogna adoperare gli strumenti e le risorse a disposizione. In questo senso l’amministrazione comunale dovrebbe fare da tramite, affinché i piccoli centri urbani possano accedere ai finanziamenti europei. Un invito, inoltre che vorrei rivolgere ai commercianti è quello di formarsi per meglio comprendere dove collocarsi”. Sul problema saldi, concorde con Marcato, afferma, concludendo: “La questione è semplice: è necessario trovare un accordo che sia valido per tutte le regioni”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy