you reporter

L’OMICIDIO DI MAILA

Altea: “L’assassino ci ha sfidato”

L’associazione ha dato vita ad un sit-in: “Chiediamo l’ergastolo”. L’udienza rinviata al 18 novembre.

Altea: “L’assassino ci ha sfidato”

“Ci ha sfidato”. Un drappello di militanti dell’associazione Altea, questa mattina, ha dato vita ad un sit-in davanti alle aule tribunale di Venezia, dove era in programma l’udienza per stabilire se, al momento dell’assassinio di Maila Beccarello, avvenuto a Cavarzere nell’agosto dello scorso anno, Natalino Boscolo Zemelo fosse o meno capace di intendere e volere.

Chiara la posizione del gruppo Altea, di cui fa parte anche una zia di Maila: sullo striscione esposto c’era la richiesta di “ergastolo” per l’assassino della 37enne. “Noi non molleremo mai”, hanno detto, rivendicando la loro richiesta di avere “giustizia per Maila”.

Non è mancato, però, durante la manifestazione, un momento di tensione. Lo dicono proprio dall’Altea, attraverso i loro canali social. Rivendicando di aver dato il proprio “saluto a Natalino Boscolo mentre rientrava in carcere. Ha pure cercato di liberarsi dagli agenti, sfidandoci. La prossima volta saremo di più”.

Sì, perché l’udienza non si è tenuta: tutto rinviato, per legittimo impedimento. La nuova udienza è fissata per il prossimo 18 novembre alle 14.30.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl