you reporter

POLESINE SOTTO SHOCK

Stasera il ricordo al campo. Ieri l’abbraccio del perdono

Le strazianti parole della fidanzata di Giulio, gli striscioni e il lutto al braccio in campo e l'abbraccio della famiglia di Miriam all'autista sopravvissuto

Stasera il ricordo al campo. Ieri l’abbraccio del perdono

"Mi hai lasciato un vuoto immenso, ti aspetto nei sogni, amore mio. Hanno deciso di strapparti da me troppo presto. Avevamo una vita davanti con tutti i nostri progetti. Ti amo e ti amerò per sempre. Sembra ieri, eppure mi hai cambiato la vita. L'angelo più bello è lassù, mi manchi come l'aria, Giuli". Sono le strazianti parole con le quali Benedetta, la fidanzata, ricorda Giulio Nali, 28 anni, di Occhiobello, uno dei tre ragazzi che hanno trovato la morte nelle prime ore di sabato a Vigarano Mainarda, nel Ferrarese, quando l'auto sulla quale viaggiavano è finita contro un palo.

Assieme a Giulio hanno perso la vita Manuel Signorini, 23 anni, di Salara, e Miriam Berselli, 21, di Ferrara. Tutti lavoravano all'Iper Tosano, così come il conducente, di 24 anni, di Ferrara. compagno di Miriam. E' l'unico sopravvissuto.

Intanto, questa sera, alle 21, al campo da calcio di Fiesso, in occasione della prima partita della formazione Umbertiana, i giocatori ricorderanno Giulio con un minuto di silenzio, col lutto al braccio e con uno striscione commemorativo che sarà srotolato in quella occasione. Momenti di commozione, quindi, nel match Uisp tra Amatori Umbertiana e Arquà.

Ieri pomeriggio, nel corso della trasmissione radiofonica Deejay Chiama Italia, condotta da Linus e da Nicola Savino, è arrivato il messaggio della zia del giovane conducente dell’auto, che ha raccontato una bella storia di solidarietà e di perdono. “Ieri sono andata a trovare mio nipote in ospedale - ha scritto la zia del giovane magazziniere del Tosano, alla trasmissione - c’erano tanti amici e colleghi che lo abbracciavano. Sono arrivata proprio nel momento in cui lo stavano abbracciando due signore, erano la mamma e la nonna della sua fidanzata, Miriam, morta nell’incidente. Sono donne forti di animo”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl