you reporter

Palazzo Barbiani

Lega: “Notte bianca, l'esenzione dei plateatici un danno erariale”

Munari: “La determina autorizza a non pagare, ma non c’era l’ok della giunta Tommasi per la Notte bianca”

Lega: “Notte bianca, l'esenzione dei plateatici un danno erariale”

“C’è una determina che esenta dal pagamento dell’occupazione del suolo pubblico gli esercizi commerciali durante la Notte bianca, che si rifà a una delibera di giunta dove questa misura, chiesta dal Comitato Notte Bianca, non è stata concessa: è un evidente danno erariale alle casse del Comune del quale la giunta Tommasi dovrà rispondere”. Pierfrancesco Munari, capogruppo della Lega, riassume in poche battute il contenuto della interrogazione che ha presentato, insieme alla collega del Carroccio, Roberta Fava, il 23 settembre scorso per chiedere lumi al sindaco Henri Tommasi su questa vicenda.

“Abbiamo chiesto, durante il consiglio comunale con una interrogazione, in che modo fossero stati esentati gli organizzatori della Notte bianca dello scorso agosto, dal pagamento del canone per l’occupazione degli spazi e delle aree pubbliche - spiega il capogruppo della Lega - come fossero stati occupati gli spazi da parte dei vari esercizi e se gli stessi avessero dovuto corrispondere canoni per quella occupazione. Ci è stato risposto che era stato tutto regolato da una determina, la 123 del 31 luglio scorso. E che, appunto, il Comitato Notte bianca, e tutti gli esercizi aderenti, erano stati esentati dal pagamento del canone”. “In realtà l’esenzione presente nella determina del responsabile del settore - precisa Munari - fa riferimento alla delibera di giunta numero 95 del 5 luglio precedente, ovvero l’atto di indirizzo per la realizzazione della Notte bianca che il sindaco Tommasi e i suoi assessori hanno approvato. Nella premessa c’è la richiesta del Comitato Notte bianca, che chiede, oltre a un contributo di 10mila euro, tutte le concessioni per le due serate, compreso quelle per occupare, previa presentazione di un piano, il suolo pubblico in esclusiva”.

“Ma nel deliberare, la giunta Tommasi assegna 6mila euro di contributo, si fa carico delle spese per gli allacciamenti, altri 8.600 euro, ma non esenta il pagamento dell’occupazione del suolo pubblico - sottolinea il capogruppo del Carroccio - e per quello che mi riguarda, questo grave errore rappresenta un danno per le casse comunali. Un danno del quale dovranno rispondere il sindaco e gli assessori di tasca propria”. “Sarà mia premura segnalarlo alla Corte dei Conti - conclude Munari - è incredibile l’incompetenza di questa giunta, anche negli atti più semplici”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl