you reporter

LA STORIA

Sconfigge due tumori e si licenzia per aiutare gli altri

Monica Bergantin, 45enne cavarzerana, opera nel reparto di Rianimazione a Piove di Sacco

Sconfigge due tumori e si licenzia per aiutare gli altri

Ha battuto due tumori, si è licenziata dalla fabbrica dove lavorava e si è messa a studiare medicina: oggi lavora nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Piove di Sacco. E’ la storia di Monica Bergantin, 49 anni, di Cavarzere. Tutto è iniziato quasi quindici anni fa: Monica all’epoca aveva soltanto 35 anni e aveva da poco perso il padre per un tumore.

Le venne diagnosticato un cancro al seno: lo scoprì per caso, una sera, sotto alla doccia. Una anamnesi che è stata poi confermata da un’ecografia e una mammografia.

Sottoposta ad un’operazione di quadrantectomia, durante la quale le sono stati asportati anche dei linfonodi a livello ascellare, Monica, dopo aver iniziato le terapie antitumorali, soffriva sia psicologicamente che fisicamente. A causa della sua malattia, il suo corpo cambiava, i capelli cadevano e, come succede spesso nei piccoli paesi, i mormorii della gente la metteva ancora più a disagio.

A questo sconforto, però, ha opposto una grandissima voglia di vivere, e una decisa voglia di riscatto rispetto a quello che le stava succedendo. Monica, insomma, non si è lasciata andare: si è aggrappata alla vita, e a ciò che ancora non aveva realizzato e voleva realizzare.

Ha smesso di considerare i suoi problemi come ostacoli insormontabili, ma li ha vissuti come sfide e ha iniziato a riflette su cosa modificare nella propria vita.

Monica ha così dato una svolta alla propria esistenza: ha deciso di licenziarsi dalla fabbrica in cui lavorava e di riprendere a studiare, per arrivare alla maturità. E’ riuscita a diplomarsi seguendo un corso serale per formarsi come operatore socio sanitario ed oggi è diventata un tecnico dei servizi sociali.

Raggiunti questi traguardi però, ancora una volta la vita le ha posto davanti un ostacolo: le si è manifestato un altro tumore, questa volta alla tiroide, prontamente combattuto con un nuovo intervento. Oggi Monica lavora all’ospedale di Piove di Sacco, nel reparto di rianimazione, e cerca ogni giorno di portare speranza e vita tra le corsie.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl