you reporter

LUSIA

Crivellari svela i miti del Delta

Un’esperienza coinvolgente per gli alunni e gli insegnanti della scuola media Fermi

Crivellari svela i miti del Delta

Gli alunni e gli insegnanti della scuola media Fermi di Lusia, qualche settimana fa si sono recati in gita nel Delta del Po, grazie all’opportunità offerta dalla associazione di pesca sportiva locale “Canna d’oro”, trascorrendo una giornata che ha consentito loro di immergersi nel particolare contesto geografico e paesaggistico, compresa l’esperienza di navigazione nei rami del fiume Po.

Docenti e assessore all’istruzione del comune di Lusia, hanno pensato poi di rendere ancora più completo questo viaggio, offrendo ai ragazzi la possibilità di conoscere il Delta anche attraverso i miti, le leggende ed i numerosi scrittori per i quali è stato fonte di ispirazione. Ecco perché nei giorni scorsi, nell’aula magna del nuovo polo scolastico, è stato invitato Diego Crivellari, scrittore polesano, autore del libro “Scrittori e miti del Delta del Po”, per confrontarsi con i ragazzi, cercando di condurli questa volta in un viaggio immaginario, nominando raccontando di storie e leggende legate al Delta del Po. “Voi avrete il grande di compito custodire e preservare l’ambiente - ha esordito Crivellari - alla fine dell’incontro, anche l’assessore all’Istruzione, Lorella Battistella, ha voluto rinnovare a ragazzi ed insegnanti l’invito a considerare maggiormente il nostro ambiente e le nostre realtà territoriali, seppur piccole e a volte poco valorizzate, ricche anch’esse di storia e valori, facendole conoscere ed amare, rivestendole di valore diverso, ed è importante conoscere però anche gli scrittori che lo hanno raccontato e valorizzato”.

Crivellari ha quindi illustrato i numerosi miti che sono legati in particolare al fiume Po, dal mito di Fetonte, fatto precipitare da Zeus, il padre degli dei, sulla piazza di Crespino, trasformando poi le sue sorelle in pioppi, ad Ulisse eroe greco protagonista dell’Odissea che discende nell’Ade e si ritrova nei pressi di un fiume nebbioso che secondo alcuni era l’Eridano, ovvero l’attuale fiume Po. 

E poi le leggende come quella che racconta di Dante, il poeta che durante uno dei suoi ultimi  viaggi da Ravenna a Venezia, si perde nel Delta del Po e sale sulla antica quercia di Ariano Polesine, “la Rovra” per ritrovare la giusta via. Ed infine gli scrittori ed i registi che le cui opere sono state ispirate ed ambientate nel Delta come Luchino Visconti, Mario Soldati e Carlo Mazzacurati. Dopo i ringraziamenti, allo scrittore è stato fatto dono di una cesta di ortaggi tipici della fertile terra di Lusia.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl