you reporter

BAGNOLO DI PO

Ubriaco, prova a rubare l’etilometro

Il 47enne finisce a processo per resistenza a pubblico ufficiale. Si tenta la messa alla prova

Ubriaco, prova a rubare l’etilometro

Si trova a processo perché, secondo le contestazioni, a marzo avrebbe aggredito i carabinieri che stavano procedendo al controllo su strada, cercando di strappare loro l’etilometro al cui test, secondo questa ricostruzione dei fatti, i militari avrebbero avuto intenzione di sottoporlo.

Tutto era accaduto verso le 16.30 della giornata di domenica 3 marzo, in località Runzi, Comune di Bagnolo di Po.

E' qui che i carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Castelmassa, appoggiati dai colleghi di Stienta, avevano tratto in arresto il 47enne. Poco prima, secondo le accuse, era stato fermato alla guida della propria auto e, per non sottoporsi alla prova dell'etilometro, avrebbe aggredito i militari operanti, anche tentando di strappare di mano l’ etilometro.

Era stato immediatamente tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale e condotto nella sua abitazione in stato di arresto domiciliare in attesa del rito direttissimo. A suo carico, infatti, la Procura aveva ritenuto appropriata la misura della detenzione domiciliare.

Nella mattinata il suo procedimento, con rito direttissimo, essendo conseguenza di un arresto, è approdato all’attenzione del giudice del Tribunale di Rovigo. A difendere il 47enne, l’avvocato Pier Luigi Rando del foro di Rovigo. Già all’udienza precedente aveva chiesto di potere fare accedere il 47enne all’istituto della messa alla prova.

Si tratta di una opportunità che prevede che l’imputato svolga, per un determinato periodo, un lavoro socialmente utile. Una volta conclusolo, il magistrato valuta l’esito finale. Se positivo, si considera il reato estinto e il procedimento si chiude.

Ora, si dovrà attendere che venga predisposto il programma di lavoro, ieri non ancora completato, dopo di che il giudice dovrà decidere se ammetterlo o meno a questo istituto.

Alla prossima udienza verrà presa una decisione in questo senso. Non dovrebbero comunque esserci, a quanto emerso, particolari motivi ostativi a fronte della richiesta presentata dalla difesa.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl