you reporter

GAIBA

Giulia incanta Mara Carfagna

La studentessa di Gaiba e l'amico Saidi hanno scritto un brano sul femminicidio che ha spopolato su Youtube e fa parte della campagna di sensibilizzazione voluta dalla vicepresidente della Camera Mara Carfagna

Giulia incanta Mara Carfagna

Giulia Bindelli, di Gaiba con Mara Carfagna

Giulia incanta la vicepresidente della Camera Mara Carfagna. E’ la quindicenne Giulia Bindelli, di Gaiba, studente nel settore moda dell’Ipsia di Ferrara e con una grande passione per la musica, la ragazza che assieme all’amico Saidi Shera, hanno interpretato il brano “Non è normale che sia normale”, che ha entusiasmato la vicepresidente della Camera Mara Carfagna, che ha scelto il brano per la campagna social.

La clip,”, la campagna di sensibilizzazione sui social lanciata nel 2018 da Mara Carfagna, che ha prodotto 23 milioni di visualizzazioni, e un anno dopo, nel 2019, diventa una canzone rap realizzata dagli studenti dell’istituto Copernico-Carpeggiani di Ferrara. In occasione del 25 novembre, Giornata internazionale contro la viole in vendita, è realizzata degli studenti di Ferrara dell’istituto Copernico. Si chiama appunto “Non è normale che sia normalenza sulle donne, istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999, la vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia ha presentato l’iniziativa che quest’anno è stata realizzata in collaborazione con studentesse, studenti e docenti, finalizzata a raccogliere fondi per sostenere le famiglie colpite dal femminicidio.

Il video clip è stato presentato lo scorso giovedì 21 novembre, dal preside della scuola ferrarese Roberto Giovanetti, dal professore d’italiano che ha guidato i ragazzi nella composizione del testo rap, Marco Toscano , da Giulia e Said i due studenti che hanno composto il pezzo. “E’ ancora necessario fare una battaglia per far arrivare i fondi alle famiglie colpite - ha precisato Carfagna - non sono bastate tre leggi, mancano i decreti attuativi per far arrivare loro i soldi”. E poi ha aggiunto riguardo i centri antiviolenza in cui si rifugiano le donne, “solleciteremo il governo a stanziare più fondi e a controllare che arrivino a destinazione”. L’istituto Copernico-Carpeggiani attraverso il progetto pilota “The New Poets” ha introdotto una nuova materia di insegnamento, “incentrata sul dramma della violenza maschile”, ha spiegato il preside “per prevenire questo crimine e per educare le nuove generazioni”.

La materia è interdisciplinare e obbligatoria durante i 5 anni di studio per tutti i 1.800 studenti, nella stragrande maggioranza maschi. Il brano del videoclip, è cantato dalla giovane polesana Giulia Bindelli che, assieme all’amico Saidi Shera ha entusiasmato la Carfagna e tutti coloro che hanno avuto la possibilità di vedere il video.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl