you reporter

GAIBA

Allagamenti, ecco il piano di difesa

Il Consorzio di bonifica scopre le carte: 4,6 milioni di euro l’anno per tenerci all’asciutto.

Allagamenti, ecco il piano di difesa

In questo periodo storico, in cui i cambiamenti climatici sono diventati un problema di grandissima attualità, l’amministrazione comunale di Gaiba ha organizzato, alla biblioteca comunale, una conferenza dal titolo “La gestione della risorsa idrica. Le sfide di adattamento ai cambiamenti climatici nel Polesine”.

Relatore d’eccezione l’ingegnere Giancarlo Mantovani, direttore generale del Consorzio di bonifica Adige Po e Delta Po. Apertura dedicata ai volontari dell’Associazione nazionale carabinieri e alla Protezione civile che hanno presentato l’esercitazione “Poseidone”, con la simulazione di dissesto idrogeologico nel territorio di Gaiba avvenuta la settimana precedente.

A seguire, l’ingegner Mantovani è entrato nel vivo della serata ricordando le peculiarità del territorio polesano e del suo bacino idrico. Senza argini il mar Adriatico arriverebbe a Rovigo, mentre nel periodo di piena del Po la totalità del piano campagna si trova al di sotto del livello del fiume Po. 

Le pompe idrovore del Consorzio di bonifica Adige Po consumano quindi energia per una somma di circa 2,4 milioni di euro l’anno, mentre per il Delta Po 2,2 milioni di euro l’anno per tenere asciutto il piano campagna. Il lavoro di gestione si esprime nella cura della rete di canali del demanio, per un corretto flusso delle acque.

Determinante risulta quindi la manutenzione dei fossi e canali dei privati, specialmente nel caso di piogge intense che, anche in questi giorni, si abbattano sull’Italia.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl