you reporter

grande schermo

“Cinema, quanto ci sei mancato”

Parla Chiarini, dottore di ricerca in Storia del Cinema. “Importante per veicolare messaggi e analizzare la società. Ed è anche punto di aggregazione”

“Cinema, quanto ci sei mancato”

Un veicolo di cultura e un punto di incontro sociale. Questo il valore del cinema secondo la studiosa rodigina Alessandra Chiarini.

Domani sarà inaugurato il Notorious, nuovo multisala di Rovigo, che riporterà un cinema in città a due anni dal rogo che chiuse l’esperienza del Cinergia. Domani è previsto il taglio del nastro ed una prima proiezione. Poi da giovedì partirà la programmazione nelle sei sale della struttura del parco commerciale di Borsea (a febbraio gli schermi su cui vedere i film diventeranno otto). E così la città ritrova un cinema, dato che per due anni la possibilità di vedere film sul grande schermo è stata resa possibile solo dalla lodevole esperienza del Cinecolonne.

Ed ora rinasce un multisala, moderno e comodo. “Era ora - commenta Alessandra Chiarini, dottore di ricerca in storia del cinema e docente in ambito cinematografico e mediale - per troppo tempo la città è rimasta senza cinema, una città, un capoluogo di Provincia, non può farne a meno. Il cinema, in senso assoluto, ha una grande importanza nella nostra società. Per molteplici motivi. Prima di tutto perché attraverso i film si possono veicolare un’infinità di messaggi, trasmettere emozioni, valori, conoscenze, raccontare la storia, quella grande, e le storie definite “minori”.

E poi si possono scandagliare e analizzare le varie sfaccettature della vita umana, la psicologia, analizzare e approfondire comportamenti. Il cinema è un infinito serbatoio dell’immaginario collettivo, raccoglie e trasmette immagini e le trasforma in sentire comune. Veicola modi di vedere le cose, ed è anche un valido filtro per percepire la realtà”.

Ma l’importanza del cinema, e di un cinema come struttura fisica, è importante anche dal punto di vista sociale: “E’ un importante luogo di incontro e di aggregazione. Il ‘rito del film in sala al sabato o la domenica sera è un patrimonio comune di tutta Italia, Rovigo non poteva restare senza. Sarebbe stato bello che ci fosse un grande schermo anche in centro città, ma il fatto che il multisala sia a Borsea, quindi vicino, è comunque molto positivo”.

Ora la speranza è che ci possa essere una varietà di offerte, “e il fatto - continua Chiarini - che ci saranno sei sale subito, e poi otto, rappresenta già una garanzia. Perché oltre ai cosiddetti film ‘di cassetta’ sono necessari anche i film d’autore, le rassegne di qualità. La storia del nostro cinema è uno scrigno, in questo senso, di opere da vedere e rivedere”.

Il servizio completo oggi 10  dicembre sulla Voce di Rovigo

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl