you reporter

ADRIA

“Operazione verità sulla scuola di Bottrighe”

Spinello: “Barbierato ha fatto tutto da solo, bisogna dire come stanno realmente le cose”

“Operazione verità sulla scuola di Bottrighe”

Gino Sandro Spinello, consigliere del Pd ad Adria

Un consiglio comunale aperto a Bottrighe per far luce sulla vicenda della mancata riapertura della scuola media di Bottrighe” è la proposta rilanciata con forza dal capogruppo dem Sandro Gino Spinello per avviare quella che chiama “operazione verità” perché la questione mai è approdata in consiglio comunale, ma è stata gestita in prima persona dal sindaco Omar Barbierato. Neppure è stata sostenuta da chi aveva la delega per la scuola, Graziella Bovolenta, che proprio nei giorni scorsi ha gettato la spugna, rimanendo consigliere comunale, non si sa per quanto, senza altri ruoli.

“Ripropongo la necessità di un incontro pubblico a Bottrighe attraverso un consiglio comunale aperto sulla vicenda della scuola media – spiega l’ex sindaco - credo sia necessaria una ‘operazione verità’: ognuno deve assumersi le proprie responsabilità. Chi riveste funzioni pubbliche, innanzitutto, deve dire realmente come stanno le questioni, non è sufficiente dire quello che la gente vuol sentirsi dire”.

Ed ecco una prima stoccata al sindaco: “Abbiamo saputo solo poche settimane fa dell’iniziativa di Barbierato, quando è stata pubblicata la delibera di giunta in cui si esprimeva parere positivo alla riapertura della scuola. Già in quell’atto mancavano elementi oggettivi per portare ad una riapertura della scuola. Quindi una proposta trasmessa agli uffici della Regione già segnata dal parere negativo del collegio dei docenti e del consiglio dell’istituto comprensivo di appartenenza. Dobbiamo riconoscere – incalza Spinello - che la giunta Zaia ha tante responsabilità ed è stata gravemente mancante per il nostro territorio in tutti questi anni, ma sulla mancata riapertura della scuola media non ha colpe. E’ dal 2000 che è in vigore la legge sull’autonomia scolastica”.

“Non ritengo corretto fare strumentalizzazioni politiche sulla pelle delle famiglie che ovviamente cercano di tutto per il bene dei loro figli, infatti abbiamo evitato di uscire con un documento Pd a sostegno della riapertura perché sarebbe stato solo demagogia e retorica. Tuttavia – osserva l’esponente dem - mi hanno colpito talune prese di posizioni del comitato dei genitori: vorremo incontrare questi genitori per confrontarsi su come raggiungere determinati obiettivi, in primo luogo, cercando di far ricrescere la scuola paritaria e le elementari; qualche idea a tal proposito crediamo di averla”.

“I frutti si raccolgono seminando mentre improvvisando si può avere qualche soddisfazione momentanea ma non si raggiungono risultati certi e duraturi. Barbierato anche in questa occasione ha voluto fare da solo, senza coinvolgerci e senza chiederci di condividere responsabilità. E’ stato sbagliato alimentare la polemica con il Comune di Papozze, dividere le due comunità. Abbiamo bisogno di stare assieme, non dividerci ulteriormente, di gestire le energie e le risorse presenti nel migliore dei modi: furbizie e scappatoie alla fine non pagano. Non ci interessa continuare nelle polemiche fine a se stesse mentre siamo disponibili al confronto e a un impegno concreto, ovviamente con interlocutori credibili e rappresentativi”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: La Voce di Natale
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl