you reporter

Canda

Devastata Villa Nani Mocenigo

Vandali in azione di notte: statue abbattute e decapitate e infissi divelti e fatti sparire.

Villa Nani Mocenigo è stata sfregiata da atti vandalici compiuti nella notte tra sabato e domenica. Statue per terra, alcune andate in pezzi, e infissi staccati dopo aver divelto il chiavistello di una porta laterale per entrare.

Una devastazione che lascia l’amaro in bocca poiché svela tutta la fragilità di un patrimonio storico-culturale dall’immenso valore materiale e immateriale esposto, senza difesa, allo spregio e all’offesa di delinquenti.

Le indagini per tracciare con chiarezza la scena del crimine sono tutt’ora in corso ma l’amarezza è grande. Ad esternarla il sindaco di Canda Alessandro Berta che per conto della proprietà, ovvero della Banca di San Marino, si occupa della gestione del luogo e l’intero paese che sente la villa come un pezzo della sua storia e della sua identità.

Le statue gettate a terra e divelte dai piedistalli sono di grande pregio: scolpite a mano su pietra dei monti Berici, di pregevole fattura settecentesca, sono attribuite alla bottega degli Albanesi di Vicenza e al veneziano Alvise Tagliapietra. Già nel corso del tempo molte erano state trafugate e mutilate, ora anche questo sfregio.

I malviventi sembra siano entrati dal cancello di accesso tranciando il lucchetto e abbiano agito indisturbati complice l’oscurità della notte. Nessuno ha visto né sentito nulla.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl