you reporter

Economia

Dal mare a tavola in 24 ore

Finpesca, colosso del commercio ittico all'ingrosso. Il manager Zara: “La Romea? Ci vorrebbe una terza corsia, non ci speriamo più”

Dal mare a tavola in 24 ore

Il quartiere generale di Finpesca

Nel Delta del Po, benedetto dalla molluschicoltura, dall’Adriatico con i suoi pesci e da una natura sconfinata, ci sono aziende che volano nella classifica di Confindustria. Tra queste Finpesca spa, che ha sede a Porto Viro, in via delle Industrie e che quest’anno compie 25 anni nel commercio all’ingrosso e nella trasformazione dei prodotti ittici.

Anche nel caso di Finpesca, nata nel 1995, l’intuizione felice dei soci fondatori (Daniele Siviero oggi presidente del cda, Archimede Finotti, Evaristo Pregnolato e Amleto Frizziero) è stata la commercializzazione del pesce attraverso la grande distribuzione, che proprio in quegli anni stava esplodendo. 

Tra i numeri di Finpesca c’è un fatturato che nel 2018 si è attestato sui 120,168 milioni di euro, 115 dipendenti e una serie di terzisti che compongono un piccolo esercito. Le specie ittiche commercializzate sono 340, e la lavorazione avviene in 10mila metri quadrati di stabilimento, 500 i clienti nel 2018, in Italia e in Europa, per 67 tonnellate di pesce lavorato.

“Il nostro punto di forza - spiega Alessandro Zara, consigliere delegato della società, padovano di nascita, ma bassopolesano d’adozione - è avere una buona logistica e avere una serie di clienti che riforniamo a carattere nazionale capacità di dare al cliente il prodotto che cerca. L’idea di entrare nel mercato della gdo è stato vincente, anche se all’inizio era una scelta visionaria. Ora siamo specializzati nella grande distribuzione, con il 70% di clienti nella gdo e il resto nelle pescherie e nel retail”.

Oltre alla commercializzazione di prodotti ittici all’ingrosso, l’impresa si è evoluta, attivando una linea industriale di piatti pronti. “Abbiamo comprato nuovi macchinari e tra il 2017 e il 2019 abbiamo investito circa 5milioni di euro”.

Per chi come Finpesca lavora nella distibuzione, l’infrastruttura viaria è importante come un nuovo macchinario all’avanguardia. Ecco che la Romea diventa un freno. “Un tabù - sintetizza Zara - Ci vorrebbe un’altra corsia, ma non ci speriamo più. Consideri che il cliente ordina in mattinata, parte e arriva di notte a destinazione”. 

Il servizio completo sulla Voce di Rovigo di oggi, 16 gennaio

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl