you reporter

Politica

Fdi schiera i nomi, il Pd la coalizione

Fratelli d’Italia punta su Matovan, Ceccarello, Baccaglini, Furlanetto e Gagliardo

Fdi schiera i nomi, il Pd la coalizione

30/01/2020 - 20:26

I partiti stringono i tempi per la corsa verso Venezia, e Fratelli d’Italia è pronta a mettere in campo la propria cinquina.

Messa in archivio la tornata elettorale di domenica scorsa (Emilia e Calabria) le forze politiche si concentrano sulle prossime elezioni. Con l’anticipo del 29 marzo, data fissata per il referendum confermativo sulla proposta di taglio dei parlamentari.

Ma la data che conta, non ancora fissata, è quella di fine maggio, quando si voterà in Veneto per il rinnovo del consiglio regionale. Molti partiti proprio in questi giorni sono alle prese con candidature e alleanze. Il Pd veneto dovrebbe decidere stasera, in direzione, coalizione e linea politica, e decidere quindi se convergere su Arturo Lorenzoni, in corsa per sfidare il governatore Zaia e già sostenuto da liste civiche e alcuni partiti di sinistra. Il Pd dovrebbe definire anche il possibile via libera ad un terzo mandato per i consigliere regionali uscenti. Cosa che riguarda da vicino anche Graziano Azzalin, pronto a correre per la terza volta verso Venezia. Nella cinquina dem, però, ci potrebbero essere altri nomi forti a contendergli l’aspirazione verso il seggio, a partire da Diego Crivellari. In pole per una posto anche Raffaela Salmaso. I inoltre in corsa potrebbero scendere anche Nadia Romeo (molto difficile però che scenda in campo), Paola Davì e Giorgia Businaro, ma solo se Crivellari non dovesse correre.

Spostandosi sul fronte del centrodestra, invece, chi dovrebbe aver già definito tutto è Fratelli d’Italia. Valeria Mantovan, assessore di Porto Viro sarà il nome forte per la corsa di Fdi verso Venezia. In lista anche Daniele Ceccarello coordinatore provinciale di Fdi, Ivo Baccaglini, di Badia Polesine, Giorgia Furlanetto, consigliere comunale ad Adria e la rodigina Elena Gagliardo. Salvo sorprese sarà questa la squadra per puntare alla conquista di un seggio all’interno della coalizione che sosterrà la riconferma di Luca Zaia alla guida della Regione Veneto.

In casa Lega, invece, metabolizzata la sconfitta emiliana, si stanno definendo le strategie per riconfermarsi alla guida del Veneto. Da decidere se ci sarà o meno una lista Zaia, non ben vista da tutto il partito della Lega perché potrebbe essere in grado di prendere più voti del Carroccio stesso.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


GLI SPECIALI

La Voce di Natale
Natale con i nostri TESORI

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl