you reporter

IL CASO

La grande beffa del tribunale in centro

In una lettera inviata a Roma il primo cittadino aveva già scelto il futuro dell’ex ospedale proponendolo per ospitare il palazzo di giustizia

La grande beffa del tribunale in centro

"Nel confermare la destinazione dell’immobile ex ospedale Maddalena ed uffici al servizio della città, con la possibilità nel caso concreto di localizzare nel sito parte di quelli comunali, in un’ottica di razionalizzazione ed ottimizzazione delle risorse pubbliche e del relativo patrimonio, preme segnalare un possibile alternativo utilizzo in corso di verifica sempre rispondente ai fini del programma straordinario di intervento", inizia con queste parole la lettera che ha suscitato la rabbia e l’indignazione del centro destra, ma non solo. Si tratta di una lettera ufficiale inviata dal sindaco Edoardo Gaffeo, ancora a novembre del 2019, alla presidenza del consiglio sei ministri. Questa è la premessa per introdurre a Roma una possibilità alternativa per l’ex ospedale Maddalena: ospitare il tribunale di Rovigo.

Ma come? Stiamo parlando dello stesso sindaco che, in campagna elettorale, aveva promosso una raccolta firme contro lo spostamento del tribunale dal centro storico? Cos’è successo in cique mesi? Oppure per il sindaco il Maddalena, o meglio, il quartiere commenda, è il centro storico.

Dopo la premessa, il sindaco Edoardo Gaffeo, nella lettera inviata alla presidenza del consiglio dei ministri in data 21 novembre 2019, spiega come siano in corso “contatti e valutazioni congiunte tra il Comune di Rovigo e il Ministero di Giustizia - Presidente del tribunale circoscrizione di Rovigo - per verificare la destinazione finale d’utilizzo dell’ex Maddalena al fine di collocarvi, una volta recuperato e riqualificato, tutta l’attività giudiziaria di competenza che, allo stato attuale, si svolge in diverse e distaccate sedi con conseguenti ed inevitabili difficoltà organizzative ed operative, oltre al notevole esborso economico per il funzionamento complessivo delle varie sedi”.

E da qui il sindaco spiega quanto le caratteristiche dello stabile sarebbero confacenti alle necessità del ministero di giustizia di trovare un luogo adatto per realizzare il tribunale unico. Una lettera che emerge solo ora e che mette in imbarazzo anche diversi esponenti della maggioranza.

Quella maggioranza che lo sostiene ma che in questi mesi e soprattutto di recente - il Pd ha anche presentato una mozione - si era spesa contro lo spostamento del tribunale fuori dal centro storico. E poi ricordiamo che la prossima settimana era in previsione un consiglio monotematico sul tribunale. Ma a che scopo aprire la discussione su una decisione che il sindaco, senza dire niente a nessuno, ha già preso per conto su?

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Scuola chiuse sino al 9 marzo
CORONAVIRUS IN POLESINE

Scuole chiuse sino al 9 marzo

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl