you reporter

CORONAVIRUS

Una domenica da vero coprifuoco

Oggi riaprono alimentari e supermercati: appelli a uscire solo per ragioni di stretta necessità

Una domenica da vero coprifuoco

E’ stata una domenica da autentico coprifuoco: la città completamente ferma. Chiuse le poche attività produttive e commerciali, trattandosi del giorno di domenica. Ieri si è aggiunta la chiusura dei supermercati e dei negozi di alimentari come frutta e verdura.

Tutti hanno rispettato il provvedimento della Regione di restare chiusi per tentare di fermare la diffusione del Coronavirus, che continua a dilagare a ritmo impressionante.

Qualche timido segnale di vitalità davanti alle edicole, le pochissime aperte nel turno domenicale, e solo di mattina. Qualcuno a piedi per accompagnare il cane a fare due passi fuori. Il resto silenzio e tutto fermo. Città deserta in un clima da coprifuoco anche se non c’era l’esercito a presidiare strade e piazze. Lavoro a ritmo continuo per le forze dell’ordine carabinieri, polizia di Stato e stradale, finanza e polizia locale per controllore ogni spostamento. Due vigili urbani, per gran parte della mattinata, hanno sostato in via Leonardo da Vinci, nei pressi dell’incrocio con corso Garibaldi: poche le automobili in giro, tutte controllate. Il comandante Pierantonio Moretto si è tenuto costantemente aggiornato sulla situazione. Al momento non risultano casi gravi di infrazione: le uscite sono risultate motivate.

Oggi tornano a riaprire le attività commerciali, quelle della catena alimentare e altre pochissime di servizi essenziali, oltre alle farmacie. Tuttavia la raccomandazione che arriva da tutte le latitudini è quella di restare in casa, perché si può essere portatori del virus inconsapevoli, così pure si può prenderlo avvicinando anche solo per qualche istante qualcuno che, sia pure a sua insaputa, è stato attaccato dal virus: così non si fa altro che diffondere il contagio e i primi ad essere colpiti sono i propri familiari quando si rientra a casa.

Quindi solo uscite strettamente necessarie e rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro.

Diverse attività dell’alimentare e della ristorazione hanno attivato il servizio a domicilio: nel sito web del comune e nel profilo Fb è disponibile la lista di queste attività con i numeri di telefono di riferimento, solo per quelle attività che rispettano le norme imposte da governo e Regione.

Inoltre è attivo tutti i giorni dalle 7 alle 22 il “Numero amico” della Croce verde 3334342000 in modo particolare per gli anziani, disabili e immunodepressi per la consegna a domicilio di farmaci e altre necessità. Così pure va ricordato che i pazienti dei medici di base Licia Coletti e Lorenzo Targa, in pensione dal prossimo 1° aprile, non devono uscire di casa per effettuare il cambio medico: per questa operazione è stato attivato il servizio telefonico chiamando ai seguenti numeri: 0426940500, 0426940598, 0426940692, 0426940841, 0426940574 e 0426940576. Quando si effettua la telefonata è necessario avere sotto mano la carta di identità, il tesserino sanitario; se effettuato da una persona delegata, questa deve tenere a portata di mano anche il proprio documento di identità.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl