you reporter

L’iniziativa

Aperitivo di gruppo via social

Lorenzo: “Ci si ritrova su Skype con aperitivo e animazione. Sto cercando una piattaforma per essere in più di 100”

Aperitivo di gruppo via social

Rendez vous e aperitivi via social. Lorenzo Brevigliero, venticinquenne di Rovigo che frequenta la facoltà di diritto dell’economia all’università di Padova, appassionato di musica e vocalist, ha ideato un modo alternativo di incontrarsi e trascorrere dei momenti di socialità insieme accompagnati dalle classiche bollicine tipiche degli aperitivi. Ecco che uno dei momenti più apprezzati dai polesani si trasforma nella sua versione hi-tech. Il giovane infatti, ha lanciato sui social l’invito ad una videochiamata collettiva sulla piattaforma Skype, durante la quale ha intrattenuto i partecipanti con un dj set musicale.

Lorenzo come e perché hai avuto quest’idea?

“Una delle difficoltà più sentite dai giovani e non, prodotte dall’emergenza legata al coronavirus, è la mancanza della socialità e dell’aggregazione che invece era possibile quando ci si poteva vedere di persona. Infatti, prima del virus, le persone potevano scaricare lo stress accumulato durante la settimana lavorativa, magari incontrandosi con gli amici il fine settimana come ad esempio per condividere l’aperitivo serale in compagnia. Al momento non essendoci più la possibilità di incontrarsi fisicamente questo viene meno favorendo il sorgere nelle persone di sentimenti di solitudine, ansie e nei casi più gravi depressione. Questi ultimi sono alla base di alcuni comportamenti scorretti a cui abbiamo assistito, con persone che violano i divieti pur di uscire di casa mettendo a rischio a propria salute e quella degli altri. Da ciò mi è venuta l’idea di creare un momento che ricordi il periodo prima dell’emergenza e che rispetti in pieno le normative vigenti aiutando le persone a rimanere in casa”.

Quando è stata la prima videochiamata e quante persone hanno partecipato?

“Lunedì, in orario aperitivo, ho effettuato la prima videochiamata alla quale hanno partecipato ben 22 persone nei 24 posti messi a disposizione dalla piattaforma Skype”.

Chi erano i partecipanti?

“Persone di tutte le età, raggiunte dal passaparola, c’erano vicini ed amici per lo più ma anche conoscenti, magari distanti o ex colleghi. La chiamata era aperta a chiunque volesse condividere questo momento o ne sentisse il bisogno. Sono molto contento anche che le persone abbiano partecipato in modo attivo a questa mia iniziativa animando la videochat”.

Hai intenzione di espandere i partecipanti e di ripetere questo momento?

“Sì questo è stato un buon inizio per gettare le basi ed articolare meglio la prossima diretta. Sto anche valutando nuove piattaforme che permettano un bacino d’utenza dai cento ai centocinquanta partecipanti. Chiunque volesse aiutarmi o partecipare può contattarmi sul mio profilo personale su Facebook”.

Cosa pensi di questa difficile situazione?

“Secondo me in generale i miei coetanei si sentono troppo sicuri di non correre alcun rischio nell’uscire, dovrebbero pensare di più ai propri cari che hanno a casa e proteggere prima di tutto loro. Mi auguro con tutto il cuore che questa situazione si concluda il prima possibile e che la ripresa, anche economica, possa avvenire presto”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl