you reporter

Il caso

Tenta di esportare materiale per la respirazione dei pazienti: denunciato

Operazione della Guardia di Finanza che ha bloccato il carico ad Ancona. Il materiale verrà distribuito negli ospedali in emergenza

Tenta di esportare materiale per la respirazione dei pazienti: denunciato

E' stato bloccato e sequestrato ad Ancona un carico di strumenti e dispositivi per la ventilazione meccanica dei pazienti con patologie respiratorie. 

Gli strumenti, essenziali per la sopravvivenza dei pazienti, erano su un autoarticolato pronto ad imbarcarsi su un traghetto diretto in Grecia dopo aver superato i controlli di sicurezza. Si sospetta che comunque la destinazione finale del carico non fosse la Grecia, come già successo con i presìdi sanitari venduti negli Stati Uniti da un'azienda di Brescia.

L'operazione è stata condotta dalla Guardia di Finanza nell'ambito dei controlli per vietare alle imprese di cedere all'estero determinati dispositivi medici nell'ambito dell'emergenza coronavirus. Sequestrati 1.840 circuiti respiratori (tubo, pallone, valvola e maschera respiratoria) da utilizzare per i pazienti in condizioni critiche. I dispositivi saranno consegnati alla protezione civile per gli aiuti ai presidi ospedalieri italiani. Denunciato il titolare dell'impresa produttrice, che ha la sede legale in provincia di Milano.   

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl