you reporter

LA CITTA’ CHE REAGISCE

Il festival dei sapori fatti in casa

Da piatti tipici a ricette “aggiustate”, il contest lanciato dal sindaco fa scatenare gli adriesi

Il festival dei sapori fatti in casa

Sono giorni faticosi, nel restare reclusi in casa per fermare quel terribile virus che solo ora dare dare i primi segni di cedimento. Ma è ancora presto per cantare vittoria, bisogna resistere ancora e restare tra le mura domestiche.

Così sono giorni di straordinari anche per la bilancia, ogni mattina messa a dura prova da chi controlla il proprio peso. A dire il vero non si va sulla bilancia per verificare i chili, ma nella speranza che quello che si è mangiato il giorno prima non abbia lasciato segni. Comunque nessun allarmismo. Anche il governatore Luca Zaia l’ha detto chiaramente: “Meglio ingrassati che in Rianimazione”.

Così l’amministrazione comunale ha lanciato il gioco social che più di tutti sta scatenando gli adriesi, in una vera e propria gara, quasi a volersi conquistare un diploma ad honorem all’alberghiero Cipriani. Ed ecco il quesito che ha preso tanti per la gola: “Che piatti stai preparando in questi giorni?”. Apriti cielo: in poche ore non solo si è riempito Fb, ma si è ingolfato l’ufficio prenotazioni nel girone dei golosi della “Divina Commedia” e Dante Alighieri non sa più come smistare le richieste. Ma ci sarà tempo per redimersi.

La prima legittima curiosità è sapere che cosa mangia il primo cittadino Omar Barbierato: spaghetti con pomodoro e zucchine. Subito lo richiama Andrea “Murce via ti e le zuchine” considerandolo un pasto non adeguato a un sindaco. Così Omar deve giustificarsi confessando “a so a dieta”.

Anita va giù pesante e annuncia urbi et orbi “pasta al forno e dolce con castagnaccio”. Ma subito ammette: “Sono impazzita! Abbinamento impensabile”. Più delicata Anna con “spaghetti con le vongole e filetti di merluzzo con patate” e mostra un “Esse Adom”. Una versione originale del tipico dolce adriòto che stuzzica la curiosità di qualcuno che già si prenota per la degustazione e Anna a cuore fa aperto fa sapere: “Vi aspetto”. Per Alessandra “zeppole di San Giuseppe” mentre in casa di Laura non si deroga: “Il dolce non può mancare: Diplomatica fatta”.

Roby presenta una distesa di “biscotti per il cane, così ingrassa lui”, ma qualcuna insinua: “Sono veramente per il cane?”.

Cristina annuncia un “fritto di calamari” e Laura risponde con “un bel polpettone ripieno di spinaci prosciutto e formaggio”. Da parte sua Lorena non trascura la colazione mattutina e “in mancanza del bar” ecco i croissant fai da te. In casa di Gigliola non si bada al colesterolo ed ecco una bella spatolata di “tiramisù per addolcire questi giorni amari”. Più guardinga Laura che sforna “piadine con farina integrale”. Cristina ha ceduto facilmente alla “pizza con patate e cipolle”, invece Annalisa ha rispolverato una vecchia ricetta che non andrà mai in pensione: “Minestra di fagioli con supiotini, come la faceva la mia mamma, mezo bicchiere de rosso per pararla zo”. Anche Claudio recupera piatti “contadini” con un bel “risotto con ortiche”, così pure intramontabili sono i “risi e bisi” di Gino, piatto tipico del Delta.

Giorgia presta attenzione alla linea con “minestrone e insalata”, invece Monica si lascia facilmente tentare da “tagliatelle fatte in casa, prosciutto e funghi”. Non è da meno Luisa con “pennette con sugo di fegatini e durelli poi una bella insalata”. E Rossella: “Oggi una cosina semplice: aglio, olio e peperoncino, pollo arrosto e insalatina”. Sempre attiva anche la cucina di Nelly: “Tortelloni ricotta e spinaci, ho un bambino di oltre 70 anni da tener impegnato”.

Paola annuncia “spezzatino di manzo con polenta e patate” mentre Monica fa conoscere la sua versione della Carbonara con zucchine, mentre Katiuscia resta sul classico con “spaghetti alla carbonara” così pure Sara.

Donatella fa la “bolognese” e rilancia con “gnocchi di patate fatti in casa, naturalmente, col ragù”. Cristina non tradisce la sua “pasta con ragù, poi insalata e un po’ di formaggio”, mentre Giacomo e Giorgio hanno un debole per i “fusilli con tonno e zucchine”. Federica ha sempre pronto il menù della cena “con patate e cosce di pollo al forno e ratatouille di verdure”. Antonio non sa resistere alle sue “pappardelle ai funghi”. Da parte sua Paola mostra un “esercito” di fiori di zucca fritti ripieni. Cristina si dice sorpresa di vederli ripieni e Paola la rassicura dicendo che sono “meravigliosi”. In che cosa consiste il ripieno? “Di tutto e di più” assicura Paola. E allora come direbbe Totò “abbondandis in abbondandum”. Oltretutto c’è da dare “un senso a queste giornate che un senso non l’hanno” canta Vasco Rossi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl