you reporter

Agricoltura

Coldiretti: “Non arriva la manodopera”

Il presidente Salvan: “Fragole e asparagi adesso, pomodori e meloni tra poco sono a rischio”

Coldiretti: “Non arriva la manodopera”

07/04/2020 - 11:09

Il settore agricolo sta vivendo un momento molto particolare, diviso tra l’essere un comparto essenziale in questo momento di emergenza dovuta al Covid 19 e le difficoltà che sta incontrando in alcuni settori della produzione per mancanza di manovalanza. “Per quanto riguarda la nostra provincia le produzioni più in difficoltà sono quelle delle fragole e degli asparagi, e a breve anche il pomodoro da industria e i meloni, visto che è il momento dei trapianti” spiega Carlo Salvan, presidente di Coldiretti Rovigo.

“Prendiamo le fragole - spiega - aziende che hanno un produzione importante, con diversi ettari in tunnel e in campo aperto, sono in forte difficoltà perché sta risultando complicato fa arrivare la manodopera dai paesi dell’Est, specialmente dalla Romania. Il passaggio dall’Ungheria è il problema più grosso, senza dimenticare la paura del contagio. Tutto ciò a fronte di una discordanza, ovvero le aziende tedesche riescono a far arrivare senza problemi la manodopera via aereo. Per questo la Comunità europea bisognerebbe che chiedesse uniformità di procedure a tutti gli Stati per far circolare allo stesso modo gli operai”. “Le fragole, peraltro, sono un prodotto che si raccoglie solo a mano e comunque serve manodopera che sappia riconoscerne il grado di maturazione - sottolinea Salvan - ci sono aziende che impiegavano un centinaio di lavoratori stagionali che se ne trovano a malapena una decina. E sono obbligati a lasciar andare la raccolta facendo marcire sui campi il prodotto”.

Altra questione riguarda invece i trapianti. “Pensiamo al pomodoro per l’industria, in questi giorni si è già iniziato a trapiantarli nei campi, visto il clima favorevole - prosegue Salvan - mentre nel corso delle prossime settimane toccherà ad angurie e meloni, che in due o tre mesi dovrebbero essere nel periodo di piena raccolta. Per questo servirebbe un impegno del ministero affinché attivi i canali diplomatici con i paesi europei, anche se sarebbe più necessario un intervento comunitario per accelerare la procedura”.

C’è un altro nodo, quello legato ai voucher, che non si riesce a sciogliere. O, meglio, sono stati negati dal governo al mondo agricolo, almeno come erano utilizzati in passato. “Purtroppo il riscontro per i voucher negli emendamenti proposti è stato contrario da parte del parlamento - spiega il numero uno di Coldiretti Rovigo - ne esistono attualmente, ma sono poco appetibili per l’assunzione della manodopera. Chiedevamo se potessero ripartire quelli semplificati, quella usati per la vendemmia, poi estesi a tutto il mondo agricolo, diventando, è giusto dirlo, abusati da alcuni. Rimarrebbe comunque una soluzione parziale: è impensabile che chi ha bisogno di 100 persone le possa assumere tutte con i voucher, ne potrà prendere una decina al massimo”.

“C’è infine il settore degli allevamenti: suini, bovini e avicoli - conclude Salvan - dal punto di vista sanitario non c’è alcun problema. Un po’ di tensione era scoppiata nel settore suinicolo ma prima dell’emergenza Covid 19, con la paura della peste suina africana. Poi il problema maggiore di questo settore è la chiusura dell’Horeca che ha fatto diminurie la domanda di prodotti trasformati, dai prosciutti ai salumi in genere. Per la produzione del latte, invece, oltre al calo per la chisura di ristoranti e bar, si è aggiunto quello delle scuole e delle mense. E c’è stata un’azione speculativa, bloccata sul nascere, di alcune aziende di trasformazione che avevano abbassato unilateralmente il prezzo del latte. Funziona bene invece il comparto dei bovini da ingrasso e l’avicolo, con richieste di anticipare anche i conferimenti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

La Voce di Natale
Natale con i nostri TESORI

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl