you reporter

UN PALLONE TRA DUE FIUMI

Queste ragazze sono da Serie A

I successi del Granzette femminile.

Queste ragazze sono da Serie A

Mezzo secolo di storia non è certo un traguardo da sottovalutare, soprattutto quando sei una società di provincia. Dal 1969 la Polisportiva Granzette è una delle realtà più belle del territorio. Nel 2019, anno del cinquantenario, i rossoverdi hanno conquistato la prima storica promozione in Prima categoria. Oggi però mettiamo da parte il calcio a undici e parliamo dello stesso sport, ma con sei giocatori in meno. Sì perché il Granzette calcio a 5 femminile è una delle mosche bianche del nostro Polesine che ha preso forma ben quattordici anni fa.

Da quel 2006 è stata data vita ad un’idea, si è partiti dalle fondamenta con l’obiettivo di raggiungere il tetto. Un’idea non si ferma davanti agli ostacoli, costanza e determinazione aiutano a superare ogni difficoltà. E poi serve pazienza e tempo, quelli che spesso nel calcio a undici sono ormai due parole sconosciute.

Quando si crede ad un’idea fino in fondo non si molla mai, anche se questa richiede sacrifici e sudore ed è con questo che nel 2019 si capisce come le fondamenta messe tredici anni prima sono solide basi sulle quali costruire una squadra vincente. Il Granzette disputa un ottimo campionato in Serie A2 e arriva, lo scorso aprile, alla finale di Coppa Italia: nella finalissima le arancionere cedono la medaglia d’oro al Ragusa che si impone al triplice fischio, ma nella società rodigina e tra i tanti tifosi rimane il grande orgoglio di essersi giocati una finale a livello nazionale.

Al via della stagione successiva, l’allenatrice Chiara Bassi viene confermata in panchina e il team del Granzette mette a segno un colpo di mercato che certifica le grandi ambizioni per il campionato ormai ai nastri di partenza. L’acquisto è di quelli da far strabuzzare gli occhi. E’ Sara Iturriaga Perez che, dalla nazionale spagnola, passando per l’Atletico Madrid fino alle massime italiane, si veste con la camiseta arancionera. E il Granzette gira che è una meraviglia tanto che conquista la vetta della classifica del proprio girone con dodici vittorie, due pareggi e una sola sconfitta nelle prime quindici partite. Poi l’emergenza sanitaria ha interrotto la cavalcata verso il sogno Serie A, lasciando molti dubbi su quale sarà il futuro di questa stagione sportiva.

Al di là di come andrà, il team arancionero è emerso dalla nebbia e ha detto a tutti un messaggio chiaro: “Noi ci siamo e continuiamo a credere in quell’idea nata nel 2006”. Perché da Cagliari a Torino, due delle città dove le polesane sono impegnate in trasferta, il coro “Granzette fiero” non smetterà mai di risuonare nelle palestre del nostro bel paese.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl