you reporter

un pallone tra due fiumi

Il Corbola non cammina solo

Rinato dopo 23 anni, fa di nuovo sognare i tifosi.

Il Corbola non cammina solo

“You’ll never walk alone”, “Non camminerai mai sola”, uno degli anni più famosi nel mondo del calcio. Nasce come una canzone di speranza. E’ una sorta di inno alla vita, di invito a rialzarsi dopo ogni caduta, nonostante le brutture, le bassezze e le angherie che il mondo ha in serbo per ognuno di noi. Proprio negli anni Sessanta, grazie al successo riscosso dalla versione di Gerry And The Pacemakers, era diventato l’inno della Kop, la curva dei tifosi del Liverpool allo stadio Anfield, che, ai cancelli di entrata, accoglie i suoi visitatori proprio con quella che è diventata una vera propria icona.

La Kop, una delle curve più calorose dell’intero panorama sportivo internazionale, luogo in cui i tifosi più accesi dei Reds spingono i loro beniamini in ogni gara interna. I tifosi sono e saranno sempre l’anima di una squadra. Questo è qualcosa di certo, sia se stiamo parlando dei massimi campionati sia nelle società di provincia.

Nel nostro Polesine, ad esempio, in Terza categoria c’è un esempio “terreno” di quanto affermato in precedenza. Stiamo parlando del Corbola che, dopo un’attesa lunga 23 anni, è tornata ad affacciarsi nel campionato di Terza categoria, appunto. Quest’anno l’idea di un ritorno, nonostante in tanti dicessero “non ce la farete mai”, è diventata realtà. Il mister Alex Pavani alla guida di una rosa costruita per puntare subito in alto visti i diversi nomi di un certo calibro. Poi però per creare una squadra vincente non bastano le “figurine”, bisogna fare gruppo per puntare, domenica dopo domenica, ad un obiettivo comune.

Dal quel 19 agosto, giorno della presentazione ufficiale, i blaugrana hanno disputato venti partite in campionato; 15 vittorie, tre pareggi e cinque sconfitte, 48 punti in classifica e secondo posto dietro cinque lunghezze rispetto alla capolista Albarella Rosolinamare.

Al di là dei numeri la cosa che è più saltata all’occhio è come questa squadra abbia riunito questo comune immerso nel meraviglioso panorama del Delta del Po. Tanti i tifosi che hanno spinto questo gruppo, sia nelle gare interne che in quelle in trasferta, confermandosi la tifoseria più calorosa di questo girone A di Terza categoria.

Sempre lì, pronta a festeggiare con i propri beniamini, ma anche nel dare la spinta ulteriore che serve soprattutto nei momenti di difficoltà. Per dire alla loro squadra che: “You’ll never walk alone”, oggi più che mai.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl