you reporter

LO STUDIO

Turismo: mancheranno 335mila tedeschi

Soltanto il Polesine rischia di dover rinunciare, tra giugno e settembre, a ben 335mila presenze

Turismo: mancheranno 335mila tedeschi

Tedeschi addio: e soltanto il Polesine rischia di dover rinunciare, tra giugno e settembre, a ben 335mila presenze che, solitamente, arrivano sulle nostre coste dalla Germania nel periodo estivo.

A stimare la perdita secca per il settore turistico polesano è la Fondazione Think Tank Nord Est, che ha calcolato che i turisti tedeschi in Italia generano il 28% delle presenze e in estate spendono quasi 4 miliardi di euro nel nostro Paese. E se non dovessero arrivare, proprio il Veneto, assieme al Trentino alto Adige, sarebbe la regione più colpita, dal punto di vista economico.

Del resto, arriva dalla Germania il maggior numero di turisti stranieri che visita il nostro Paese per vacanza: in media, negli ultimi anni, sono state oltre 58 milioni le presenze dei turisti tedeschi in Italia, pari al 28% del totale dei visitatori stranieri. Quest’anno, tuttavia, le limitazioni agli spostamenti determinate dall’emergenza sanitaria ancora in corso rischiano di bloccare questo grande flusso.

La Fondazione Think Tank Nord Est ha stimato quanto vale il contributo della Germania all’economia turistica del nostro Paese e, di conseguenza, quali sono i rischi legati al mancato superamento del blocco attualmente in corso. Da giugno a settembre, infatti, in tutta Italia sono in pericolo circa 35,6 milioni di pernottamenti ed una spesa sul territorio di quasi quattro miliardi di euro.

La regione con le maggiori criticità è il Veneto: nei prossimi quattro mesi rischia di mettere a repentaglio 11,2 milioni di presenze di turisti tedeschi, che rappresentano più di un terzo di tutti i visitatori stranieri. Di questi, 335.505 presenze erano attese in Polesine.

Anche il Trentino Alto Adige teme un forte contraccolpo, in quanto da giugno a settembre gestisce in media 9,3 milioni di pernottamenti di ospiti provenienti dalla vicina Germania, pari a circa il 63% del totale dei turisti stranieri. In Toscana e Lombardia il mercato tedesco per la prossima estate vale quasi 2,8 milioni di notti, mentre in Emilia Romagna e Sardegna circa 1,6 milioni di presenze. Ma i turisti tedeschi sono presenti in massa in tutte le regioni italiane: in Friuli Venezia Giulia sono in dubbio 900mila pernottamenti, circa 830mila in Piemonte e Liguria.

In Veneto, il blocco delle vacanze dalla Germania penalizza maggiormente la città metropolitana di Venezia, con oltre sei milioni di pernottamenti a rischio, prevalentemente nelle località balneari. Anche in provincia di Verona c’è molta preoccupazione, in quanto sono in forse circa 4,3 milioni di presenze dei turisti tedeschi, soprattutto lungo le sponde del Lago di Garda.

In Polesine il mercato tedesco vale come detto oltre 335mila notti nei prossimi 4 mesi, mentre in provincia di Padova si stimano circa 238mila presenze in pericolo. Meno forte il rischio nel bellunese (quasi 100mila pernottamenti in forse), in provincia di Treviso (61mila) e nel vicentino (41mila). Saremmo, dunque, la terza provincia più colpita nel Veneto dall’assenza dei turisti in arrivo dalla Germania.

“La stagione turistica balneare in partenza nei prossimi giorni si preannuncia molto difficile - spiega Antonio Ferrarelli, presidente della Fondazione Think Tank Nord Est - a causa delle restrizioni ancora in vigore sugli spostamenti. In particolare, preoccupa il blocco dei turisti tedeschi, in quanto rappresentano la quota principale dei visitatori stranieri che raggiungono il nostro Paese, specialmente d’estate. A ciò si aggiunge il ritardo nella riapertura dei confini con l’Austria. Gli operatori turistici stanno preparando le strutture per accogliere in massima sicurezza i loro ospiti: è quindi fondamentale definire presto protocolli sanitari standard tra i Paesi europei, al fine di agevolare la ripartenza dell’industria delle vacanze, che vale il 13% del Pil italiano”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl