you reporter

ARIANO NEL POLESINE

Le priorità: mercato e centri estivi

Non tutti i banchi riescono a trovare spazio: “Stiamo lavorando a una soluzione”

Le priorità: mercato e centri estivi

26/05/2020 - 21:02

Il sindaco Luisa Beltrame, nel suo ultimo incontro virtuale con i cittadini, era in compagnia del vice sindaco Laura Modena. "Non abbiamo casi positivi, i negozi sono aperti, ma potete utilizzare la spesa a domicilio così come la consegna dei farmaci – ha spiegato il primo cittadino - Sono attive le attività di supporto e il telefono attivo. Per la gestione del Grest e dei ragazzi, sembra che le misure siano restrittive, ma capiremo bene come fare quando avremo le comunicazioni ufficiali".

Ha precisato che l’assessore Martina Boscolo contatterà le famiglie con un sondaggio per capire chi vorrà aderire e quindi si deciderà come organizzare il tutto. Ha detto che sono riprese le messe ad Ariano, a Rivà, a Crociara.

Il primo cittadino si è raccomandata di continuare a rispettare le regole e di essere di esempio, visto che non ci sono stati contagiati e sarebbe importante continuare su questa strada. "Quindi le mascherine vanno indossate e gli assembramenti evitati", ha ribadito il sindaco.

Il vice sindaco Laura Modena ha ricordato la nuova ordinanza che consente di estendere lo spazio pubblico da parte degli esercenti. "Stiamo valutando il tutto per poter partire da giugno – ha detto - Per quanto riguarda il mercato, la nuova ordinanza mantiene i vincoli finalizzati a garantire il controllo degli accessi da parte dell’amministrazione comunale. Per questo, essendo un mercato dislocato in diverse vie, siamo obbligati almeno temporaneamente a fare il mercato nel piazzale ‘Donatori di Sangue’. Ci siamo confrontati con gli ambulanti e i responsabili del settore per parlare di questo. Purtroppo questa dislocazione non permette a tutti gli ambulanti di essere presenti, perché non c’è spazio a sufficienza. Auspichiamo che sia solo temporaneo, soprattutto per i bar che sono costretti a lavorare in modo diverso".

Ha quindi ricordato la “giornata nazionale della legalità”, in modo particolare il 23 maggio 1992, quando il giudice Giovanni Falcone, la moglie e gli uomini della scota persero la vita nella strage di Capaci.

“L’Anci ha accolto la proposta di Maria Falcone, sorella di Giovanni, di dedicare la giornata a tutti coloro che si sono prodigati con senso del dovere nella gestione dell’emergenza sanitaria - - ha detto il primo cittadino - Il nostro Comune ha aderito all’iniziativa e ha esposto un lenzuolo bianco dal palazzo del Comune e osservato un minuto di silenzio. Alla strage di Capaci seguì poi la strage di via D’Amelio. Ora si celebra in tutta Italia la giornata della legalità perché a partire da quelle morti si è aperta una nuova consapevolezza, cioè divulgare la legalità e il rispetto delle regole. Abbiamo bisogno di crescere con il valore della legalità. In questi mesi di Covid 19 dove abbiamo assistito ad un impoverimento della nostra società ci giungono forti messaggi di solidarietà”. “Avremmo voluto fare queste riflessioni con le scuole – ha affermato - Lo faremo il prossimo anno”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



GLI SPECIALI

Tesori. Alla scoperta del territorio tra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl