Cerca

il caso

“Io l'unico Presidente a costo zero? Non ci sto”

L’ex numero uno di Palazzo Celio, Marco Trombini interviene dopo il ripristino dell'indennità per Ivan Dall'Ara

“Io l'unico Presidente a costo zero? Non ci sto”

Beffato dai tempi, da una riforma infelice e incompleta, ad oggi l’unico Presidente della Provincia di Rovigo che non ha mai ricevuto l’indennità, nonostante 4 lunghi anni di mandato difficile a Palazzo Celio, resta Marco Trombini, ex sindaco di Ceneselli e, appunto, ex presidente della Provincia di Rovigo. Dopo di lui Ivan Dall’Ara che avrebbe dovuto, a sua volta, fare, 4 anni di mandato a costo zero (tranne il rimborso spese per gli spostamenti in auto casa-lavoro) ma che si ritrova di punto in bianco, a guadagnare la bellezza di 4mila 500 euro al mese. Perché, con l’ultima finanziaria il Governo ha ripristinato l’indennità ai presidenti di Provincia equiparandola a quella del sindaco del capoluogo. Ma non dal prossimo mandato. No. Da quello in corso. E così un presidente eletto dagli altri sindaci e consiglieri e non dal popolo che avrebbe dovuto costare zero ad un Ente il cui bilancio è da anni lacrime e sangue, si trova a percepire una maxi indennità.

“Premetto che da sempre sostengo che sia corretto che una carica pubblica che riveste un ruolo con delle responsabilità debba avere una indennità - commenta l’ex presidente della Provincia, Marco Trombini - Poi a quanto debba ammontare l’indennità non saprei dire, andrebbero seguiti dei criteri e non sta a me stabilirli. Detto questo, quindi, bene il fatto che sia stata ripristinata ma non così. Mi spiego meglio”.

“Nulla contro il presidente Ivan Dall’Ara, sia chiaro, ma non ritengo corretto che a mandato in corsa si cambino le regole del gioco. Si sarebbe dovuti partire eventualmente dal prossimo presidente. Fatta così, questa riforma, non ha senso. Anzi, non ce l’aveva prima e continua ad essere sempre peggio. Anche perché restituire l’indennità al presidente non sistema le cose. La Provincia continua a rimanere in un limbo. Un deserto senza risorse ma con delle competenze che le richiederebbero. Insomma, parliamo di ambiente, di strade e di scuole. L’arrivo di Achille Variati ex Presidente Upi al Governo ha sortito l’effetto indennità. Ma credo ci sia un problema più grande da risolvere per il futuro delle Province. O si chiude o le risorse per strade e scuole devono arrivare.”.

Detto questo, Marco Trombini è certo l’unico ex presidente della Provincia di Rovigo a non aver preso un soldo dall’incarico ricoperto, ma non è certo l’unico del Veneto. E, soprattutto, non è l’unico che abbia deciso di non starsene con le mani in mano a guardare i suoi predecessori e i suoi successori prendere tutti l’indennità. Insieme agli ex presidenti di Padova e Verona, infatti, ha deciso di andare per le vie legali.

“Insieme ad altri ex presidenti stiamo valutando se vi siano i presupposti per fare ricorso - commenta infatti Trombini - Ne faccio semplicemente una questione di principio. Non è corretto. io ho amministrato la Provincia probabilmente nel suo momento peggiore senza una indennità mentre tutti gli altri, chi prima e chi dopo, l’indennità l’hanno ricevuta. Non è corretto”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy