you reporter

PORTO TOLLE

Lavanda: dopo i vandali, anche i ladri

Prime conseguenze negative dello straordinario afflusso: piante strappate o portate via

Lavanda: dopo i vandali, anche i ladri

“E poi ci sono quelle persone dall'animo nobile che staccano i fiori per farsi un mazzetto a partire dal ramo, ma che a metà strada si pentono, vedendo che i fiori non sono ancora tutti aperti e lasciano per terra il mazzetto in segno di buona volontà” è questa la frase che gira nei social riguardante il furto di mazzi di lavanda che si sta verificando nel campo di Ca’ Mello, Porto Tolle, divenuto improvvisamente meta di migliaia di visitatori, complice anche la “promozione” che ne ha fatto il presidente della Regione Luca Zaia, sempre molto attento alle meraviglie del territori come l’oceano viola di Ca’ Mello, indubbiamente, è.

Enrico Masiero, il figlio dei titolari del campo, dice di essere disgustato da questi episodi, che, tra l’altro, arrivano dopo un incredibile vandalismo che ha visto sconosciuti fare irruzione nel campo in auto, passando sulle piante.

“Qualcuno – afferma - ha raccolto dei rami di lavanda, e già questa è una cosa che non si può fare. In più, dopo pochi metri dal campo di lavanda, c’è un altro campo di cereali di nostra proprietà, e proprio lì abbiamo trovato un mazzo di lavanda. Non ho parole, mi dispiace davvero, noi ce la mettiamo tutta e poi vediamo e subiamo questi atteggiamenti. Che poi, alla fine, a cosa portano?”.

Il post è stato molto commentato e qualcuno ha fatto anche notare che delle persone prendono i fiori di lavanda, li mettono all’orecchio, solo per potersi fare una foto.

“Ci sono persone che non rispettano il lavoro altrui pieno di sacrifici” ha scritto una signora. “Oltre alla mancanza di rispetto verso il vostro lavoro e verso la natura, vi è da sottolineare il fatto che le emozioni e le sensazioni che provi in questi luoghi dovrebbero arricchire la tua anima, al punto da sentirti fortunato del fatto di poter essere lì, il solo pensiero di agire contro questa meraviglia dovrebbe farti desistere”, dice un altro commento.

Un signore ha sottolineato il fatto che i proprietari del terreno sono gentili e sopportano il flusso di persone che si sta verificando in questi giorni, precisando che è splendido farsi una foto vicino al manto viola, ma che lo si deve fare senza toccarlo e senza rovinarlo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • ROBALT10

    22 Giugno 2020 - 10:10

    Ci sono stato anch'io e sentire questi incredibili comportamenti mi lascia disgustato..È così belli e piacevole che cosa vuoi di più. Cosa te ne fai di un rametto di lavanda. Putroppo gli idioti non verranno mai meno purtroppo

    Rispondi

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl