you reporter

TRIBUNALE

Nascondeva la droga proprio...lì, nella cavità vaginale

Incredibile vicenda che coinvolge una 34enne. Finisce condannata a 16 mesi di reclusione

Nascondeva la droga proprio...lì, nella cavità vaginale

Una vicenda piuttosto fuori del comune, quella che ha coinvolto una 34enne della zona di Este, condannata nei giorni scorsi, dal giudice per le udienze preliminari del tribunale di Rovigo, competente anche per la zona di Este, a un anno e 4 mesi di reclusione, con l’ipotesi di reato di detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio.

L’arresto a suo carico era scattato lo scorso autunno, alla stazione dei treni di Este. Qui, la giovane era stata controllata dal personale della squadra mobile di Padova, che la riteneva coinvolta in un giro di spaccio. Secondo le contestazioni, sulle prime la giovane avrebbe tentato di farsi passare per la propria sorella gemella, dal momento che risultava soggetta all’obbligo di dimora mentre, in tasca, aveva un biglietto di andata e ritorno che parlava di una permanenza fuori Comune di circa una settimana. Il suo atteggiamento convinse gli investigatori ad approfondire i controlli. In questo modo, a casa sua sarebbe stato trovato un bilancino di precisione, oltre a materiale ritenuto compatibile con lo spaccio. Sarebbe anche emerso che la donna nascondeva su se stessa circa 12 grammi di cocaina. In particolare, li avrebbe occultati nella cavità vaginale.

Nel corso del processo, svoltosi con la formula del rito abbreviato, la difesa, affidata all’avvocato Lorenza Munari del foro di Rovigo, è riuscita a ottenere il riconoscimento della attenuante della modica quantità di stupefacente, con conseguente mitigazione della pena finale. Il difensore, però, ha anche presentato appello, confidando di potere arrivare alla assoluzione: lo stupefacente, infatti, secondo la versione difensiva, sarebbe stato unicamente destinato al consumo personale. Una scorta, di certo non ingente, senza alcuna prova delle finalità di spaccio che, invece, contestava l’accusa.

Si va, di conseguenza, verso un secondo grado di giudizio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl