you reporter

BADIA POLESINE

Su ogni badiese pesano 821 euro

Sul Comune un debito di 8,3 miliioni. Il risultato è in positivo per 658.166,98 euro. L’emergenza è costata 136.520,51 euro

Su ogni badiese pesano 821 euro

 La giunta comunale approva lo schema del conto di bilancio 2019, ma si attende l’ok definitivo del consiglio. Il sindaco Giovanni Rossi ed i suoi assessori hanno recentemente dato il proprio via libera allo schema del conto di bilancio 2019 e alle relative risultanze, anche se la delibera dovrà passare al vaglio del consiglio comunale, in programma per il prossimo lunedì.

Come si evince dalla relazione della giunta sulla gestione 2019, parte integrativa della delibera da poco approvata, allo scorso 31 dicembre il Comune di Badia riscontrava un debito totale effettivo pari a 8.296.523,80 euro, con un debito medio per abitante, 10.104 in totale, di 821,11 euro. Per quanto riguarda invece gli strumenti di finanza derivata, l’ente ha impiegato, nel corso del 2019, 457.441,80 euro per i contratti in essere Interest rate swap (i famosi derivati). Il risultato di amministrazione complessivo ammonta infine a 658.166,98 euro.

Nel corso del 2019, le spese per il personale comunale hanno pesato sul bilancio per 1.793.126,53 euro, anche se, sempre come viene riportato nella relazione di giunta, i dipendenti erano 48 su un totale previsto in dotazione organica pari a 53. Nel personale di ruolo è compreso inoltre un dipendente che si trova in comando presso altro ente, mentre il Comune ha in essere due convenzioni per la gestione del Settore finanziario e della Polizia locale.

Sempre nei giorni scorsi, la giunta comunale ha inoltre provveduto ad approvare la seconda variazione di bilancio, effettuata in via d’urgenza, a cui, anche in questo caso, il consiglio comunale di lunedì 29 dovrà dare il proprio benestare definitivo. La variazione si è resa necessaria in considerazione all’erogazione “dei fondi a sostegno dell’emergenza Covid-19 per complessivi 136.520,51, euro, in particolare il fondo per concorso sanificazione e disinfezione comuni; fondo per finanziamento lavoro straordinario Polizia locale; fondo per esercizio funzioni fondamentali”. La variazione, che ha già avuto l’ok dal Revisore dei conti Lorenzo Monesi, tiene conto anche delle “richieste di responsabili comunali che hanno manifestato la necessità di adeguare alcuni stanziamenti di spesa destinati a fronteggiare interventi urgenti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl