you reporter

LA MANIFESTAZIONE

I sapori della Toscana in centro

Un evento organizzato da Cofipo che porta sul liston i prodotti e la cucina tradizionali

I sapori della Toscana in centro

Una piatto di ribollita e una bella fiorentina al sangue, con un buon bicchiere di Chianti e, magari, per finire, due cantucci col vin santo. Da oggi e fino a domenica in piazza Vittorio Emanuele a Rovigo la Toscana pianta le sue tende per deliziare il palato dei polesani nell’ambito dell’evento “Toscana in centro”, organizzato da Cofipo col patrocinio del Comune di Rovigo.

Un fine settimana lungo che Cofipo ha voluto fortemente organizzare per ripartire dopo l’emergenza sanitaria, puntando sui prodotti tradizionali della Toscana, una delle regioni con la più ricca offerta di specialità enogatronomiche dell’Italia.

Il vicepresidente del Consorzio fieristi polesano, Giancarlo Zanella, ha spiegato come si tratterà di una manifestazione “molto particolare e innovativa”. “In pratica un piccolo street-food con cinque attività che promuovono prodotti tipici toscani, dai vini ai formaggi ai salumi per citarne alcuni, più uno stand di cucina toscana, con tutte le specialità legate ai piatti di quella terra” annuncia Zanella.

Le bancarelle verranno sistemate sul liston che, per tre giorni, parlerà senza senza la “c”.

E nonostante le norme anti-Covid abbiano messo a dura prova l’organizzazione dell’evento, grazie alla perseveranza di Cofipo e degli imprenditori toscani che hanno scommesso sulla sua riuscita, da oggi gli appassionati della cucina potranno portarsi a casa un po’ di Toscana. E chi non lo farà, potrà degustare i tanti piatti tradizionali di quella regione.

Zanella ha sottolineato come questo primo evento a livello comunale potrà essere una sorta di “progetto pilota” per il futuro delle manifestazioni post-Covid non solo in Polesine, ma in tutto il Veneto. “Verificheremo se ci saranno le condizioni di sostenibilità per noi e per le aziende coinvolte - le sue parole - in vista degli eventi che abbiamo in programma in agosto e settembre. Ma soprattutto della Fiera di Ottobre, ancora in dubbio, dopo che alcune manifestazioni a carattere regionale sono state già soppresse”.

Zanella sottolinea come tutte le misure di sicurezza saranno garantite. “Ci saranno gli steward, le indicazione per l’ingresso e l’uscita delle varie aree, verranno verificate le distanze tra le persone e rispetteremo tutta quella serie di prescrizioni previste - conclude - siamo contenti di organizzare questo evento e speriamo che vada bene”.

Ma soprattutto, la speranza che sia solo l’apripista di una estate in città all’insegna della spensieratezza per i rodigini. Ce n’è davvero bisogno.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl