you reporter

RIFIUTI

Per una città più pulita e più bella, scatta la raccolta porta a porta per i negozi

I commercianti incontrano Comune e Ecoambiente. Molti i suggerimenti degli esercenti per migliorare il servizio

Un incontro informativo tra Ecoambiente ed i commercianti del centro rodigino per far conoscere il nuovo servizio di raccolta porta a porta pensato appositamente per gli esercenti, ma che si è trasformato ben presto in un acceso dibattito. Segno che il problema rifiuti e decoro urbano nel capoluogo è ancora un tasto dolente, soprattutto quando riguarda i commercianti. All’incontro, che si è tenuto nel pomeriggio in Gran Guardia, erano presenti l’assessore Dina Merlo, il sindaco Edoardo Gaffeo, l’ad di Ecoambiente Giancarlo Lovisari accompagnato dal direttore dell’azienda Valerio Frazzarin, e i rappresentanti delle associazioni di categoria.

A fare gli onori di casa ci ha pensato l’assessore Merlo. "Ci attende un’estate all’aperto - ha sottolineato - sarà di fondamentale importanza quindi garantire il decoro urbano che passa anche per il giusto conferimento dei rifiuti prodotti dalla attività produttive e dal rispetto delle regole. Per questo siamo qui a presentare il servizio per la raccolta porta a porta dei rifiuti dedicato alle attività del centro storico. I cassonetti delle utenze domestiche sono spesso troppo carichi, questo accade perché vengono utilizzati anche dai commercianti".

Quindi, è intervenuto l’amministratore delegato di Ecoambiente Giancarlo Lovisari che ha affermato: "Il nostro obiettivo primario è migliorare la qualità del servizio che siamo in grado di offrire, ma allo stesso tempo mantenere contenuti i costi. Un altro obbiettivo è quello di far conoscere il più possibile il servizio visto che abbiamo ricevuto poche adesioni. Il servizio di controllo di Ecoambiente non avrà solo lo scopo di sanzionare i conferimenti scorretti ma soprattutto quello di informare la cittadinanza e gli esercenti".

La spiegazione del direttore Frazzarin, però, è stata subito interrotta dalle prime proteste dei commercianti presenti. “Alla domenica il mio locale è pieno di cartoni e nessuno passa a ritirarli” ha detto una ristoratrice, dalla platea. Le ha fatto eco un collega, che ha aggiunto: "La raccolta dei cartoni avviene tra mezzogiorno e le 14.30, proprio quando il mio ristorante è aperto e i clienti sono seduti ai tavoli". A rincarare la dose una ristoratrice di via X Luglio: "A ritirare i rifiuti - le sue parole - passa un camion a diesel, non è molto piacevole per i clienti che pranzano seduti nel plateatico, respirano i gas di scarico mentre mangiano".

Altro problema molto sentito dai commercianti riguarda l’asporto del vetro, visto che i contenitori dedicati occupano molto spazio e per questo molti sono costretti a posizionarli sul ciglio della strada: non certo un bel biglietto da visita per il centro storico. Dai commercianti, comunque, non arrivano solo proteste ma anche proposte. Un giovane esercente infatti propone di fare come a Padova: riservare per i commercianti delle isole segnate a terra con la vernice, dove conferire i rifiuti.

Al termine del dibattito il direttore Frazzarin ha tirato le somme: "Abbiamo preso nota di tutte le problematiche e ci impegneremo per risolverle. Vi chiediamo però di diffondere l’iniziativa tra i vostri colleghi, in modo da aumentare l’adesione al servizio, e di conseguenza anche l’efficacia. L’obiettivo è che tutti i commercianti del centro aderiscano all’iniziativa in modo da coprire tutto il centro storico migliorando sensibilmente il decoro urbano ed il rispetto delle regole".

 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl