Cerca

PORTO TOLLE

Autovelox, 2.755 multe in undici mesi

E’ il totale delle sanzioni elevate da agosto 2019 allo scorso 30 giugno: incasso da 160mila euro. I dati riguardano il rilevatore della velocità installato nell’isola di Ca’ Venier.

Un totale di 2.755 multe per un incasso di circa 160mila euro. Sono questi i numeri relativi all’autovelox dell’isola di Ca’ Venier, con riferimento al periodo di circa undici mesi, ovvero da agosto 2019 fino al 30 giugno scorso. Il dato è emerso nel corso del consiglio comunale di Porto Tolle, che si è svolto in diretta streaming ed ha visto il confronto tra l’amministrazione e i gruppi di minoranza su diverse interrogazioni presentate da questi ultimi nelle scorse settimane.

Al primo punto dell’ordine del giorno vi è stata l’approvazione della convenzione per la ripartizione dei proventi derivanti dalle sanzioni accertate tramite il dispositivo per il controllo della velocità installato sulla Strada Provinciale 37 in Porto Viro – Ca’ Zuliani sul lato del Comune di Porto Tolle. Approvazione che ha visto l’astensione della minoranza di Consiglio, i cui rappresentanti ritengono che il dispositivo sia stato installato al solo scopo di “far cassa”.

Il Sindaco Roberto Pizzoli: “Il ricavato delle sanzioni pecuniarie sarà destinato alla manutenzione dei manti, della segnaletica e delle aree verdi delle strade all’interno del perimetro comunale. L’indice di incidenti su quel tratto di strada è elevato, con una media di due gravi l’anno. L’autovelox non pretende di essere uno strumento di prevenzione, ma un deterrente alla velocità elevata. Definirlo uno strumento per far cassa è una mossa populista e strumentale, non si tratta di una strada battuta a livelli tali da contribuire in maniera sostanziale alle casse comunali. Oltretutto le richieste di dissuasori di velocità sono molteplici e provengono da quasi tutte le frazioni, abbiamo scelto di accogliere questa, visto che è stata argomentata e corredata di oltre 300 firme di cittadini”.

L’autovelox dell’isola di Ca’ Venier è stato argomento di ulteriore dibattito, vista l’interpellanza al punto 7 dell’ordine del giorno, con cui il gruppo Progetto Civico per la Trasparenza, costituito dai Consiglieri di minoranza Valerio Gibin e Silvia Siviero, richiedeva dettagli riguardo i dati del dispositivo. L’Assessore con delega alla Polizia Locale, Federico Vendemmiati, si è così espresso: “L’importo incassato al 30 giugno è stato di circa 160mila euro, per un totale di 2.755 multe. Di queste solo 799 sono di cittadini di Porto Tolle, e 407 dell’isola di Ca’ Venier. Questo significa che quasi 2mila sanzioni sono esclusivamente a carico di non residenti, che viaggiando sulle strade di Porto Tolle non rispettano i limiti di velocità imposti. Dell’incasso totale, come previsto dalla convenzione approvata questa sera, verrà versato alla provincia la parte spettante per il 2019”.

Oggetto di dibattito al secondo punto dell’ordine del giorno vi è stata l’interpellanza presentata dalla Consigliera Cosetta Nicolasi, riguardo le modalità e gli importi di affidamento dell’organizzazione del campo estivo comunale alla Coop Goccia. La Vicesindaco Silvana Mantovani si è così espressa: “Il modus operandi dell’assegnazione del contributo è il medesimo applicato negli anni scorsi, anche dall’amministrazione Bellan, che ci ha preceduti. Il parere tecnico delle determine è sempre stato positivo, dunque l’interpellanza, da questo punto di vista, non sussiste. Questa amministrazione aveva come obiettivo principale dare un concreto supporto alle famiglie, perciò siamo stati tra i primi ad attivare l’animazione estiva. L’importo destinato alla Coop, maggiorato rispetto agli scorsi anni, dipende dalle spese evidentemente più ingenti che chi offre un servizio simile deve sostenere oggi a causa del Covid. A fine maggio, con le informazioni a disposizione, la Coop ha rimodulato entro pochi giorni l’offerta già presentata a inizio anno, e l’Amministrazione ha colto al volo questa rimodulazione, formulata nel rispetto delle norme allora vigenti in materia di prevenzione, nella consapevolezza di doverne rivedere i dettagli di nuovo nel corso di questi mesi, in base all’evolversi della situazione d’emergenza. Oltre all’animazione comunale ci siamo rivolti alle  paritarie, coinvolgendole nell’intenzione di sollecitare le famiglie a richiedere il bonus statale per l’animazione, oltre a godere di quello erogato dal Comune, erogato grazie ai fondi concessi da CARIPARO. Inoltre da settembre partirà un progetto organizzato da Goccia con le 4 materne paritarie del Comune, una sorta di doposcuola in cui i bambini potranno socializzare e fare i compiti, supportati da figure preparate, per il quale erogheremo un contributo alle famiglie che vi aderiranno, grazie ai fondi elargiti dallo Stato”. Nell’interpellanza la minoranza contestava, tra le altre cose, la mancanza di un sostegno alle realtà diverse da Goccia, aggiudicatasi l’affidamento dell’animazione comunale, perciò il Sindaco ha aggiunto: “Le affermazioni compiute a mezzo stampa con questa interpellanza hanno prodotto deduzioni spiacevoli e non hanno nulla a che vedere con il sostegno alle realtà che operano nel territorio. Quello della Coop Goccia è il finanziamento di un progetto a servizio della cittadinanza, l’unico che è stato presentato a questa Amministrazione, non un sostegno alla cooperativa”.

Ancora una volta la Centrale Enel è stata motivo di dibattito nel consesso: al terzo punto dell’ordine del giorno c’era l’interpellanza relativa alla chiusura della mensa Enel presso la centrale di Polesine Camerini, riguardo la quale il Sindaco Roberto Pizzoli si è così espresso: “Il primo obiettivo per noi è salvaguardare i posti di lavoro, e dare il miglior servizio possibile alla materna e alla primaria. La mensa della centrale non è comunale, ma di Enel, che sta cedendo il sito ad un privato che avrà un’attività di tipo totalmente diverso rispetto al suo. Cerco la garanzia del miglior servizio per il polo scolastico comunale, i rapporti con Enel, in questo momento, sono focalizzati sulla salvaguardia dei dipendenti”.

All’interrogazione presentata dal Gruppo Civico per la Trasparenza al quinto punto dell’odg, con cui i Consiglieri Valerio Gibin e Silvia Siviero chiedevano aggiornamenti in merito ai lavori per la realizzazione del progetto DeltaFarm, il Sindaco Roberto Pizzoli ha così risposto: “Il periodo Covid ha certamente rallentato l’attività della Human Company, ad ogni modo sono state definite le aree a futura destinazione residenziale, allo scopo di predisporre un’analisi di rischio preliminare, per sancire se debba essere o meno effettuata la bonifica. È in fase di predisposizione la bozza dell’atto integrativo a cura di Enel. L’iter urbanistico per la SCIA delle demolizioni è in preparazione, i carotaggi sono terminati nel 2019 e ad inizio 2020 è stata redatta la relazione riepilogativa dei risultati. Glia appalti in corso sono quelli mirati alle scoibentazioni e alla realizzazione della rete di cantiere, e coinvolgono 3 ditte, con una trentina di persone, che stanno svolgendo un’attività propedeutica a quella di demolizione. Ora i dipendenti Enel sono tutti in smart working”.

Al quarto punto dell’ordine del giorno c’era la mozione della minoranza relativa al sostegno alle società sportive portotollesi, attraverso l’istituzione di un fondo dedicato e di una serata in onore allo sport come strumento formativo e di aggregazione. Tale mozione è stata parzialmente accolta dall’Assessore Federico Vendemmiati, che ha ribadito come il Comune di Porto Tolle riservi un ragguardevole sostegno economico alle realtà sportive del territorio (complessivamente circa 230mila €), a fronte di una popolazione di poco più di 9mila abitanti: “Questo perché crediamo nel ruolo sociale e formativo dello sport. È nostra intenzione organizzare una serata dedicata a questo tema, quando se ne avrà la possibilità, vista l’emergenza epidemiologica ancora in atto”.

L’Assessore delegato al sito comunale Raffaele Crepaldi ha risposto all’interpellanza presentata dalla minoranza riguardo la completezza di contenuti e la gestione del sito web istituzionale: “Il 12 dicembre 2019 si assumeva un impegno di spesa che impegnava l’Amministrazione a passare ad un nuovo gestore del sito comunale, chiamato Halley. La migrazione da un sito all’altro non è immediata, richiede tempo, specie se i contenuti sono molteplici, come nella pubblica
amministrazione, e se accadono problematiche come quelle causate dal Covid. In ogni caso l’albo pretorio è completo di ogni bando, e lo stesso vale per la sezione “amministrazione trasparente. Abbiamo deciso di aggiornare il sito, perché dalla vostra amministrazione ne abbiamo ereditato uno obsoleto, e con i canali social del Comune comunichiamo quotidianamente con i cittadini, allo scopo di facilitare il dialogo con l’ente”.

A chiudere l’elenco di interpellanze della minoranza quella inerente alla situazione del progetto di gestione della riapertura dell’anno scolastico, post coronavirus, alla quale ha risposto il Sindaco Roberto Pizzoli: “La situazione delle scuole di Porto Tolle è la stessa di tutta la provincia. Sono stati fatti degli incontri tra l’Amministrazione, gli uffici tecnici e la Dirigente Bavarelli. Si sono svolte diverse videoconferenze con la Dott.ssa Carmela Palumbo dell’URS Regionale e presto ci sarà un incontro al CENSER. Per quanto riguarda gli spazi, attraverso lo studio delle planimetrie, abbiamo rilevato che per i plessi di Boccasette, di Scardovari e Ca’ Tiepolo non ci sono problemi, a Donzella c’è una criticità per una classe di 23 alunni, che verrà risolta mettendo a disposizione altri spazi interni alla struttura. La speranza è che la didattica possa essere svolta come sempre, pare che le linee guida imporranno l’uso della mascherina per lo scuolabus, mentre per la mensa non si hanno linee guida. - e ha aggiunto - Con dispiacere dal primo settembre dovremo salutare la dirigente Bavarelli, che è sempre stata disponibile alla collaborazione e al confronto costante. Quando avremo linee guida più definitive, sarà nostra cura comunicarle a tutto il consiglio, oltre che ai cittadini”

La Vicesindaco Silvana Mantovani ha aggiunto: “Si pensa di posticipare al primo ottobre l’inizio del tempo pieno di materna e primaria. Le insegnanti sono già al lavoro per creare degli spazi più agevoli all’osservanza alle linee Covid. Nell’incontro con la Regione tutti i presidi e amministratori si parla di criticità oltre i due bambini. A Scardovari con l’ufficio tecnico stiamo cercando di far sì che i bimbi della scuola media possano stare tutti all’interno delle aule. Ringrazio la collaborazione e il dialogo avuto con la Dirigente Bavarelli”.

Il Sindaco ha concluso l’incontro ricordando la visita di venerdì 24 luglio della Presidente del Senato Casellati, la Santa Messa del 25 luglio per il Patrono di Boccasette, del 26 per quello di Pila e quella del 30 per il Patrono di Santa Giulia. Infine l’appuntamento del 31 luglio per l’incontro con l’autore Alberto Cova e del 18 agosto con Tra Ville e Giardini a Boccasette.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy