you reporter

Commercio

Saldi al via fra speranze e incertezze

Confesercenti e Ascom: “Operatori e clienti attendevano i ribassi per un rilancio dopo i mesi di crisi”

Saldi al via fra speranze e incertezze

Fra aspettative e speranze. Domani scatteranno i saldi di fine stagione, occasione d’oro per risollevare gli affari del mondo del commercio, messi in difficoltà prima dal lockdown e poi da una difficile ripartenza sempre in bilico tra restrizioni e paura. Operatori del commercio e associazioni di categoria, quindi, sperano nel mese di agosto per ritrovare lo smalto di un tempo e di dare nuovo slancio allo shopping. A Rovigo domani sera sarà in programma la notte dei saldi, con negozi aperti fino alle 23. Negozi aperti nella serata anche a badia Polesine, mentre l’avvicinamento ai saldi ad Adria scatterà già questa sera. Insomma il mondo del commercio si mobilita.

“Le aspettative - dice Vittorio Ceccato, responsabile polesano di Confesercenti - sono alte. Sia da parte dei clienti, che potranno così fare acquisti contando su prezzi ribassati; sia da parte degli operatori che potranno risollevare un fatturato messo a dura prova dalle difficoltà degli ultimi mesi. Sappiamo bene che ci sono studi che dicono che gli acquisti saranno inferiori a quelli degli altri anni, ma occorre considerare il contesto generale. Ci sono molti clienti che proprio per le incertezze legate alla situazione sanitaria e al mondo economico nelle ultime settimane non hanno fatto acquisti rimandandoli al periodo dei ribassi”. Ceccato ammette anche che “l’obiettivo è di cercare di organizzare eventi, come la notte dei saldi di Rovigo, che possano sostenere il mondo del commercio”. E ancora: “Fra i settori che negli ultimi due mesi hanno sofferto di più c’è sicuramente quello dell’abbigliamento, speriamo che nelle prossime settimane si possa invertire la tendenza, anche se nessuno deve farsi illusioni e attendersi i risultati degli scorsi anni. Anche perché le incertezze di quello che potrà succedere nei prossimi mesi non aiutano. Di sicuro però il sistema è attrezzato e saprà come intervenire”.

Le stime dicono che la spesa per acquisti per saldi sarà di poco più di 100 euro per persona, sicuramente inferiore a quella degli anni scorsi “ma c’è sa specificare - sottolinea Stefano Pattaro di Ascom - che non tutti i negozi hanno sofferto alla stessa maniera per la crisi. C’è chi è riuscito a stare bene a galla, soprattutto puntando sulla qualità. Detto questo i saldi spostati ad agosto sono stati un bene, anzi la tempistica andrebbe riproposta anche l’anno prossimo. Occorre infatti ragionare sul fatto che più si amplia il periodo di sconti e ribassi, più il commerciante è spinto, in alcuni casi, a caricare il prezzo in origine, altrimenti non potrebbe poi sopportare eccessivi e prolungati prezzi ribassati. E nessuno lavora per non guadagnare, questo è chiaro. Ecco allora che è un bene che i saldi di fine stagione siano proprio sul finale di stagione, altrimenti si rischia di prendere in giro la clientela”. A Rovigo e Badia Polesine domani sera negozi aperti fino alla tarda serata, con iniziative per animare il centro storico e sperare in un rilancio dello shopping.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl