you reporter

Mobilità

Slitta lo stop per le auto diesel

Il lockdown ha tenuto basso il livello delle polveri, “e l’emergenza non è ancora finita”

Slitta lo stop per le auto diesel

Niente blocco delle auto diesel Euro 4 dal primo ottobre prossimo: lo stop slitta al primo gennaio del prossimo anno. Lo hanno deciso gli assessori regionali all’ambiente di Veneto, Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna durante i lavori del tavolo del Bacino padano, che si sono tenuti ieri. “Vista la delicatezza del tema - recita l’annuncio congiunto - i presidenti delle Regioni si erano già sentiti nei giorni scorsi per condividere questa scelta, ovvero lo slittamento del blocco dei diesel Euro 4 dal primo ottobre, come sarebbe previsto dall’accordo di Bacino, al primo gennaio. Questa scelta è supportata da una serie di motivazioni: la prima è che siamo in una condizione di emergenza straordinaria legata al Covid che ha avuto alcuni effetti” anche sulla qualità dell’aria.

Il lockdown, infatti, ha portato ad una riduzione delle emissioni complessive e rispetto all’ordinario - sottolineano gli assessori - “c’è stata una minore quantità di inquinanti immessi in atmosfera; ci sono anche le considerazioni sulla proroga dell’emergenza fino al 15 ottobre e l’incertezza di quello che sarà il futuro soprattutto dal punto di vista economico. Siamo in un periodo di crisi economica e di forti tensioni sociali. In autunno ci saranno sicuramente vincoli per l’utilizzo del trasporto pubblico locale, legati anche a norme sul distanziamento e alla tutela sanitaria, che renderanno più sicuri gli spostamenti sui mezzi privati rispetto a quelli pubblici. Inoltre, la persistenza dello smartworking ridurrà necessariamente la mobilità dei lavoratori”.

La proposta delle Regioni è quella di ritrovarsi nuovamente all’inizio dell’autunno: intanto, “i nostri tecnici forniranno un quadro approfondito in vista di un aggiornamento dell’accordo di Bacino da sottoporre anche ai presidenti delle Regioni e ai ministri coinvolti, così da valutare quali ulteriori modifiche attuare dal primo gennaio”. “Ci auguriamo inoltre - concludono gli assessori - che il ministero dell’ambiente possa stanziare le risorse promesse alle Regioni del Bacino padano, così da poterle affiancare alle risorse regionali, per programmare interventi di incentivazione per la sostituzione dei veicoli più inquinanti”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl