you reporter

Badia Polesine

Ferragosto badiese, e festa sia!

Il sindaco: “Non è stato facile, organizzare, luna park più lungo per dare una mano agli esercenti”

Ferragosto badiese, e festa sia!

Inaugurata la 74esima edizione del Ferragosto badiese. Ha preso il via venerdì sera con l’apertura del luna park e con il primo spettacolo in abbazia della Vangadizza l’edizione 2020 della tradizionale manifestazione altopolesana, che quest’anno ha dovuto necessariamente fare i conti con l’emergenza covid. A salutare l’avvio della fiera, con l’immancabile taglio del nastro inaugurale al luna park di piazza Marconi, sono stati il sindaco Giovanni Rossi, gli assessori Valeria Targa, Stefano Baldo, Fabrizio Capuzzo e il capogruppo di maggioranza Cristian Brenzan, Marco Fogagnolo in rappresentanza della Pro loco, il parroco don Alex Miglioli e gli esercenti degli spettacoli viaggianti.

“Abbiamo attraversato un momento difficile che non è ancora finito – le parole del primo cittadino prima del taglio del nastro – Come si può immaginare non è stato facile organizzare il Ferragosto badiese, per questo ringrazio gli assessori Valeria Targa, Stefano Baldo e Fabrizio Capuzzo che si sono spesi per la manifestazione, così come gli esercenti degli spettacoli viaggianti che resteranno a Badia fino al 17. Abbiamo deciso di proporre un luna park più lungo per dare un’opportunità ai gestori delle attrazioni; noi come amministrazione comunale abbiamo diminuito le tasse per l’occupazione del suolo pubblico nell’ottica di uno spirito di collaborazione che non deve mai mancare. Mi auguro che l’anno prossimo saremo liberi dalla mascherine protettive – ha concluso il sindaco - ma quest’anno dobbiamo fare tutti quanti un piccolo sforzo, indossando i dispositivi di protezione. Il pericolo, purtroppo, non è passato”. La serata è proseguita con il debutto degli spettacoli al Giardino dell’abate dell’abbazia, che ha visto per protagonista l’associazione Upsound music district ed i suoi allievi, che si sono cimentati nell’interpretazione di alcuni brani che hanno segnato gli anni ’90.

Prima di inaugurare il luna park, inoltre, i rappresentanti dell’amministrazione hanno fatto visita alla mostra di formelle sulla vita di San Teobaldo realizzate dall’artista Natale Calesella ed ospitate nel chiostro della Vangadizza. C’è stato anche il tempo di salutare e ringraziare Gianfranco Nezzo e Nicoletta Avanzo dell’associazione Amici di San Teobaldo che durante tutte le serate di fiera terranno aperto il teatro Balzan.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl