you reporter

LUTTO A VILLADOSE

In centinaia per l'addio a Federica. "Il tuo sorriso vivrà per sempre"

In un silenzio irreale, l'intera comunità, si è stretta attorno alla famiglia di Federica Zambon, strappata alla vita dal male

Dalle 16, in un silenzio irreale, la comunità, con amici e parenti si è stretta attorno alla famiglia di Federica Zambon, in un abbraccio commosso. Difficile poter trasmettere il profondo dispiacere che la sua morte così prematura e improvvisa ha suscitato. Sono state predisposte le sedute anche dietro la chiesa, nel parco in cui, durante il periodo post chiusura si celebravano le funzioni, per dare modo al maggiore numero possibile di persone di partecipare al funerale, ma anche quelle non sono bastate. Un altoparlante ha trasmesso dalla chiesa parrocchiale San Leonardo la messa funebre celebrata dal parroco Don Carlo Marcello, anch’egli commosso.

Federica Zambon, titolare della Parafarmacia che aveva compiuto i 7 anni di attività, aveva saputo conquistare con la sua gentilezza e professionalità la fiducia dei compaesani, che apprezzavano i suoi consigli per risolvere i problemi grandi o piccoli. Federica è mancata in un lasso di tempo troppo breve, a causa di un brutto male che non le ha dato scampo, suscitando il dolore e lo strazio profondo, che hanno scosso i famigliari, ma soprattutto i figli Alice e Nicola ancora giovanissimi. Il parroco durante l’omelia ha detto: “Federica si era laureata a Ferrara, era stata membro del gruppo scout, amava molto il suo lavoro che praticava con il sorriso. Era dolce, mai invadente se si facevano due chiacchiere non erano mai pettegolezzi. Federica amava profondamente i suoi figli, sebbene il lavoro le portasse via molto tempo riusciva a seguirli anche nello studio, cosicché il loro profitto scolastico era ottimo: vi auguriamo cari Alice e Nicola che proseguiate in questo impegno sarà la cosa migliore per onorare la memoria della vostra mamma. La morte di una persona cara è sempre un pugno allo stomaco, alla morte non ci si abitua. Nelle piccole comunità questi momenti sono vissuti intensamente per dare conforto alla famiglia. C’è un passo che si applica perfettamente al commiato a Federica: ‘Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio, nessun tormento le toccherà! Essi sono nella pace. Coloro che gli sono fedeli vivranno presso di lui nell’amore”.

“La malattia di Federica- ha spiegato Don Carlo - ha avuto un decorso veloce, nessuno si aspettava questa evoluzione drammatica: in poco tempo è stata sottratta all’affetto dei suoi cari, pur con il cuore spezzato la affidiamo a Dio”. Le voci del parroco e delle persone che hanno letto salmi e preghiere erano rotte dalla commozione e, al termine della funzione il corteo si è recato al locale cimitero per la tumulazione.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl