you reporter

CARCERE

Poliziotto sprangato dal detenuto, "zero provvedimenti"

La rabbia del sindacato verso le scelte dell'amministrazione penitenziaria

Poliziotto sprangato dal detenuto, "zero provvedimenti"

Una ferma presa di posizione da parte di Gioacchino Lenaris, segretario regionale del sindacato di polizia penitenziaria Osapp Veneto, dopo l’aggressione di un poliziotto della penitenziaria, avvenuta in carcere a Rovigo. "Continuano le aggressioni, sempre più violente, a danno della polizia penitenziaria in servizio presso la casa circondariale di Rovigo. Nella mattinata di mercoledì 16 settembre, un detenuto ha aggredito a sprangate un poliziotto penitenziario in servizio nel reparto detentivo della struttura penitenziaria di Rovigo, al solo scopo di protestare perché vuole essere trasferito".

"Il collega è stato accompagnato al pronto soccorso di Rovigo e gli è stata riscontrata una prognosi di 10 giorni salvo complicazioni, per contusioni al braccio destro. Attualmente non riesce nemmeno a muovere il braccio. Quello che indigna è l’inefficienza dell’amministrazione penitenziaria: nonostante ripetuti episodi di violenza da parte del medesimo detenuto, questo continua la sua detenzione a Rovigo anziché essere immediatamente trasferito. Nel corso di questi ultimi mesi, si è passato dagli sputi al lancio di oggetti, da spintoni a sprangate. Senza voler fare allarmismo, se si aspetta ancora a prendere seri provvedimenti, prima o poi si può arrivare a qualcosa di ancora più grave".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl